Arriva a giugno la Toyota Prius plug-in Hybrid. Proviamo a ipotizzare i prezzi di listino

Fino a 50 km in elettrico per la nuova Toyota Prius plug-in hybrid, che si distingue rispetto alla ibrida tradizionale, oltre che per la possibilità di caricare la batteria dalla presa, anche per una linea estetica rivista

0
1082

Presentata ufficialmente anche per l’Italia la nuova Toyota Prius plug-in Hybrid, secondo modello della rinnovata famiglia della Toyota Prius, dopo la tradizionale Prius Hybrid non ricaricabile.

Un modello che per esempio negli Stati Uniti sta avendo un buon successo, oltreoceano si chiama Prius Prime e Toyota spera di poterlo replicare anche nel Vecchio Continente.

Batteria maggiorata e autonomia in elettrico di 50 km per la nuova Prius plug-in

Rispetto alla Prius plug-in di precendente generazione, viene aumentata l’autonomia in elettrico, ora di 50 chilometri dichiarati, e la velocità massima in modalità elettrica, che arriva fino a 135 km/h.

Questo grazie alla maggiore capacità della batteria, ora di 8,8 kWh rispetto ai 4,4 kWh precedenti, che però occupa un volume proporzionalmente minore, 145 litri rispetto agli 87 precedenti e pesa relativamente meno, 120 kg rispetto agli 80 di prima con un aumento quindi del 50%.

Straordinari i consumi dichiarati, con 1 litro / 100 km nel ciclo combinato, anche se questo non è un record mondiale dato che già la Volkswagen XL1, ibrida plug-in con un bicilindrico a gasolio, è stata prodotta pur se in serie limitata e a un prezzo di oltre 100.000 euro.

Progressi anche nei tempi di ricarica, con sole due ore utilizzando una presa Mennekes a 230 V o 3 ore e 10 minuti dalla presa domestica standard.

Cambia anche la linea estetica rispetto al modello ibrido tradizionale

La linea è stata modificata nel frontale, con griglia maggiorata e fari diversi, e in coda, con luci orizzontali, ma l’andamento della linea è rimasto quello, molto originale, della Prius Hybrid standard.

Poche le modifiche dentro, con spazio adeguato anche per cinque persone, mentre il maggiore ingombro delle batterie ha ridotto la capacità del bagagliaio.

Prezzi per la Toyota Prius plug-in Hybrid non ancora comunicati

I prezzi non sono ancora stati comunicati, e dipenderanno anche dalla strategia che la Toyota vorrà adottare, ovvero se la Toyota Prius plug-in Hybrid dovrà diventare la prima plug-in “di massa” o se rimarrà un oggetto quasi esclusivo. E questo a sua volta dipende anche da quante saranno le unità disponibili per il nostro Paese.

Il prezzo di listino della Prius plug-in Hybrid della generazione precedente era di 40.250 euro, a fronte di una Prius Hybrid “normale” a partire da 27.850 euro.

Oggi il listino della Toyota Prius Hybrid parte da 29.250 euro, e se rimanesse invariato il differenziale percentuale della serie precedente il listino della nuova Prius plug-in Hybrid potrebbe oscillare tra i 41.500 e i 42.500 euro.

Un prezzo piuttosto elevato, superiore alle “rivali” Audi A3 e-tron e Volkswagen Golf GTE, più “normali” come aspetto ma altrettanto dicasi per la tecnologia offerta. E più vicino alla Kia Optima plug-in Hybrid, che costa 44.000 euro.

Un parametro quindi molto importante, che però al momento non è ancora noto e verrà comunque svelato nelle prossime settimane, probabilmente dopo Ginevra e potrà svelare se il costruttore giapponese vorrà finalmente “attaccare la spina” a una vera elettrificazione della gamma.

 

Share

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here