I principali schemi utilizzati sulle auto ibride a confronto

Mettiamo a confronto i tre principali schemi utilizzati sulle auto ibride per conoscerne caratteristiche peculiari, similarità e differenze

1
958

Giunti alla conclusione della spiegazione sui tre schemi di motori utilizzati per le auto ibride, li mettiamo ora a confronto: il cosiddetto schema ibrido serie (o elettrico con range extender), quello parallelo e quello serie-parallelo (o misto).

Vediamo dunque che cosa accomuna e che cosa differenzia gli schemi ibridi più diffusi in questa tabella

Serie Parallelo Misto
Può marciare in modalità solo elettrica
L’autonomia in modalità elettrica è dell’ordine delle decine di km se plug-in se plug-in
Volendo può marciare usando il solo motore termico no
Può recuperare energia in frenata
Volendo può ricaricarsi esclusivamente da presa di corrente e venire usata a tutti gli effetti come un’auto elettrica con discreta autonomia se plug-in se plug-in se plug-in
Volendo può rifornirsi esclusivamente di carburante
Può sommare la coppia e la potenza del motore termico e del motore elettrico per migliori prestazioni complessive no
La principale riserva di energia è… il serbatoio oppure la batteria il serbatoio il serbatoio
Ha un cambio di velocità no dipende dipende
Può utilizzare il motore termico per ricaricare la batteria senza farlo intervenire nella trazione no

 

Gli schemi dei principali sistemi ibridi a confronto

Schema ibrido serie:

ibrido serie

Schema ibrido parallelo:

ibrido parallelo

Schema ibrido serie-parallelo:

ibrido serie-parallelo

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here