Ecco la nuova Nissan Leaf, le novità della presentazione

Disponibile dal 2 ottobre in Giappone, la nuova Nissan Leaf continua nel solco dell'evoluzione costante, con maggiore tecnologia e più autonomia

3
1479
Nissan fuses pioneering electric innovation and ProPILOT technology to create the new Nissan LEAF: the most advanced electric vehicle for the masses

In un evento di circa 30 minuti trasmesso dal Giappone una serie di top manager Nissan hanno presentato la nuova Nissan Leaf, che sarà lanciata dal 2 ottobre in Giappone e successivamente negli altri mercati mondiali.

Dopo una serie di teaser e foto rubate dal web eccoci di fronte alla novità elettrica della casa giapponese, che si è attrezzata per poter competere con le novità di questo anno che hanno sfornato i concorrenti, a partire dalle attesissime Tesla Model 3 e dalla Opel Ampera-e.

Nuova Nissan Leaf, design rinnovato e più autonomia

In linea con il ruolo di modello di massa, la Nissan Leaf è del resto la vettura elettrica più venduta al mondo, una sorta di icona della mobilità elettrica, la filosofia sembra essere stata quella dell’evoluzione graduale e continua a prezzo costante, piuttosto che quella della rivoluzione clamorosa o del riposizionamento in altro segmento.

Nuovo design rispetto alla versione precedente per la nuova Nissan Leaf

Crescono autonomia e potenza, aumenta l’assistenza alla guida (anche se in buona parte con sistemi già introdotti in recenti modelli esclusa la funzione Park che è inedita), mentre già si annunciano futuri step evolutivi per la batteria.

La nuova Nissan Leaf, completamente ridisegnate

Le novità in dettaglio della presentazione della nuova Nissan Leaf

Vediamo quali sono state le principali novità introdotte in questo nuovo modello che sono state citate nella presentazione

  • La nuova Nissan Leaf ha una batteria da 40 kWh

    batteria da 40 kWh e autonomia dichiarata di 400 km secondo gli standard JC08. Forse un po’ ottimistica, oppure sbilanciata sul ciclo urbano, dato che significherebbe un consumo energetico di soli 100 Wh/km mentre per auto di questa classe siamo abituati a vedere valori dell’ordine dei 120-140 Wh/km. Ma forse è “merito” del JC08. Per confronto, sempre nel JC08 il modello attuale (con batteria da 30 kWh) arriva a 280 km, perfino più dei 250 riferiti al famigerato ciclo europeo NEDC, contro i soli 172 km dello “spietato” (?) ciclo americano EPA. Insomma uno dei vantaggi dell’iniziare il lancio commerciale dal Giappone sta nel poter citare un dato di autonomia riferito a uno standard di omologazione che appare il più benevolo fra quelli oggi in uso a livello mondiale. Siamo curiosi di vedere quali saranno i numeri quando, in occasione del lancio fuori dal mercato domestico giapponese si dovrà dichiarare il valore secondo le nuove severe norme WLTP

  • Con il caricatore rapido opzionale da 6 kW si ottiene una ricarica completa in una notte (quindi nello stesso tempo impiegato dal modello attuale con caricatore standard). Nissan stima che grazie all’aumentata capacità della batteria, un cliente giapponese medio (percorrenze fra i 30 e gli 80 km al giorno) avrà bisogno di ricaricare la sua Leaf solo una volta alla settimana. Per la cronaca, secondo Nissan sarebbero oggi presenti in Giappone 28mila punti di ricarica, di cui 7.200 definiti “a carica rapida”, tralasciamo i numeri italiani di ricarica rapida per la vergogna
  • Nuovo inverter e nuovo motore da 110 kW
  • Sistema automatico di parcheggio

    ProPilot (evoluzione della versione che ha debuttato in Giappone sul Serena e sull’X-Trail) con funzione Park per parcheggio automatico comandato con tre tocchi di un dito (gestisce sterzo, cambio, acceleratore, freno e freno di stazionamento); sfrutta 4 telecamere omnidirezionali e 12 sensori a ultrasuoni

  • Guida assistita: ProPilot supporta la guida autonoma a singola corsia in autostrada e mantiene la distanza dal veicolo successivo gestendo sterzo, acceleratore e freni
  • Sistema “e-Pedal” (già recentemente introdotto sulla Note e-Power) con cui si può guidare l’auto usando il solo pedale dell’acceleratore: rilasciandolo il sistema gestisce automaticamente un mix di frenata rigenerativa e dissipativa. Si può cosi’ tener ferma l’auto su strada in pendenza senza dover toccare il pedale del freno. (anche su normali auto termiche esistono sistemi che offrono questa prestazione senza particolari clamori, si pensi al cosiddetto “hill holder”)
  • Un sistema “emergency assist” vigila, da fermo e a bassa velocità, sull’uso del pedale sbagliato (un rischio singolare, evidentemente ritenuto d’attualità da Nissan con l’introduzione del sistema e-Pedal? Non vediamo l’ora di provarlo)


Prezzo ed evoluzioni della nuova Nissan Leaf

Ulteriori novità usciranno dalle fabbriche Nissan nel 2018

In chiusura di evento è stato menzionato che nel 2018 sarà lanciata una versione con potenza motore aumentata e una maggiore capacità della batteria, ma senza specificare valori.

Per quanto riguarda il prezzo è stato dichiarato che con tutte le tecnologie presentate – ProPilot, ProPilot Park e e-Pedal – il prezzo sara’ “comparabile” con quello del modello attuale. Con queste premesse Nissan dice di aspettarsi di raddoppiare, se non triplicare, le vendite in Giappone.

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here