In Punto di non Ritorno Di Caprio racconta i rischi dei cambiamenti climatici

Before the Flood è il documentario in cui Leonardo di Caprio racconta i pericoli dei cambiamenti climatici

0
1827

Un punto di non ritorno, quello che la Terra sta raggiungendo con i cambiamenti climatici in atto. E proprio “Punto di non ritorno” è il titolo italiano del documentario di Leonardo di Caprio, “Before the flood”.

Un documentario da vedere e far vedere, per poter sensibilizzare più persone possibili sui danni del riscaldamento globale e mettere in moto l’opinione pubblica per influenzare davvero le scelte politiche, spesso indirizzate dai sostanziosi finanziamenti delle multinazionali, energetiche e non, focalizzate a trarre il maggior profitto possibile a discapito dell’ambiente.

Perché se è vero che la comunità scientifica è piuttosto compatta nel ritenere l’intervento umano come causa principale del surriscaldamento in atto, è anche vero che una parte di negazionisti, ben sostenuti economicamente e molto influenti a livello politico, stanno discreditando e mettendo in dubbio ogni argomentazione, anche scientifica.

Dove vedere Punto di non ritorno, Before the Flood

Punto di non ritorno è visibile gratuitamente dal 30 ottobre sulla rete nel canale di National Geographic e sulle principali piattaforme social come YouTube, Facebook e su questa pagina di GreenStart.

Se Before the Flood vede Leonardo di Caprio metterci letteralmente la faccia, il documentario è prodotto da Martin Scorsese, a riprova di quanto il settore del cinema statunitense tenga a questo argomento.

È tempo di agire, prima che sia troppo tardi

“Non abbiamo più tempo di fare dibattiti sul clima, chi ancora si ostina a non crederci dovrebbe venire qui e rendersi conto con i suoi occhi della gravità del problema, ci sono inondazioni anche in giornate assolate, all’improvviso l’acqua inizia a scorrere per le strade, l’innalzamento dei mari comporta la comparsa dell’acqua che risale dai tombini”. Così racconta a Di Caprio il sindaco di Miami Beach, che ha dovuto tassare la popolazione per installare delle idrovore per liberare i quartieri della città dall’acqua.

La star di Hollywood non si ferma agli Stati Uniti, ma fa un giro per il pianeta passando dalla Groenlandia alla Cina e all’India raccogliendo testimonianze e documentando come i diversi Paesi del mondo stanno reagendo all’innalzamento delle temperature. Fino alle isole del Pacifico che stanno affrontando una vera emergenza e sono costrette a far migrare le popolazioni dai luoghi in cui hanno sempre abitato.

C’è spazio anche per la visione di Elon Musk, patron di Tesla, all’interno della GigaFactory del Nevada, il vero punto di svolta per una transizione all’era dell’energia sostenibile immaginata dall’imprenditore che ha lanciato la Model S, l’icona tra le auto elettriche nel mondo.

LASCIA UN COMMENTO