Apple interessata a Tesla: no all’acquisizione, sì alla collaborazione

1
1157

Elon Musk conferma i colloqui avvenuti con la casa di Cupertino, esclude però una possibile acquisizione. Più probabile una collaborazione visto il diffondersi delle auto sempre più tecnologiche e connesse

Nei giorni scorsi molte voci hanno accostato Apple a Tesla quando sono uscite le prime dichiarazioni di un incontro tra tra il responsabile delle acquisizioni della società di Cupertino, Adam Perica, ed Elon Musk fondatore e Ceo di Tesla.

Ma in un’intervista recente rilasciata a Bloomberg, Elon Musk ha smentito ogni voce di possibile acquisizione, dichiarando che il colloquio è avvenuto tempo fa e che non ricordava nemmeno bene i dettagli.

Certo Apple potrebbe essere una delle poche società, con Google, ad avere liquidità in cassa tale, circa 158 miliardi di dollari, da permettere un’acquisizione così importante, ma la mossa sarebbe azzardata e creerebbe un buco di bilancio difficile da spiegare agli azionisti, ancora di più visto che il mercato dell’auto elettrica è in crescita, ma relegato su numeri molto bassi.

E la capitalizzazione di borsa di Tesla, cresciuta del 344% lo scorso anno e del 33% nei primi mesi del 2014, di certo non la relega nel novero delle società sottostimate con un grande potenziale.

Messe da parte quindi le possibili speculazioni su un’acquisizione, lo scenario più probabile è una possibile collaborazione tra le due case, in particolare su due fronti: 

Connettività e intrattenimento a bordo: le auto sono sempre più interconnesse con la rete e con i dispositivi elettronici, una collaborazione tra Apple e Tesla potrebbe portare a sistemi di bordo in grado di dialogare nativamente con i prodotti della Mela. 

Innovazioni nelle batterie al litio: in questo caso sarebbe Apple a beneficiare dell’esperienza di Tesla, che monta sulla Model S una batteria ad alta efficienza e ha intenzione di aprire un impianto per sviluppare la produzione e la ricerca in questo campo. Se pensiamo a quanto durano le batterie al litio negli smartphone, questo scenario sembra davvero il più plausibile.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here