Auto elettriche più economiche grazie alla discesa del prezzo delle batterie

0
2535

Uno studio di Bloomberg New Energy Finance stima un calo del 40% nell’ultimo triennio. E l’Europa lancia un progetto per migliorare le prestazioni e ridurre i prezzi

Diminuiscono i costi e aumenta la potenza. Seguendo un percorso abituale per le nuove tecnologie anche le auto elettriche con il passare dle tempo caleranno di prezzo. Un aiuto arriverà dal prezzo delle batterie che è già calato del 40%  dal 2010 ad oggi.  Ecco quanto sostiene il Bloomberg New Energy Finance che utilizza dati elaborati dal Battery University Miit.

Lo studio riguarda le batterie agli ioni di litio e sostiene che, a partire da metà degli anni ’90, è stata registrata una diminuzione dei costi passando dagli oltre 1.000 dollari per kWh del 1995 ai circa 600 dollari/kWh del 2012. Il crollo più sensibile si è però registrato nel triennio, non ancora concluso 2010-2013, con un calo del 40%.

Proseguendo su questa strada nei prossimi otto anni si dovrebbe arrivare a 500 dollari per kWh che diventeranno 100 dollari nel 2030. Contemporaneamente le capacità di accumulo delle batterie saranno in costante crescita.

Una spinta allo sviluppo delle batterie dovrebbe arrivare anche dall’Europa in procinto di lanciare un progetto da quasi dieci milioni di euro per migliorare le prestazioni delle batterie al litio. Il Batteries 2020 project cercherà da una parte di ridurre il costo delle batterie e dall’altra di sviluppare nuovi materiali. Al progetto partecipa anche il Centro ricerche Fiat.

La diminuzione dei prezzi dovrebbe dare una spinta al mercato che, per quanto riguarda l’Italia, vede l’Osservatorio Findomestic stimare nel 76% gli automobilisti italiani interessati ai veicoli a emissione zero, mentre il 60% si dichiara bendisposto all’acquisto.

Ma non è solo un problema di prezzo. A livello europeo il 55% degli automobilisti chiede una maggiore autonomia dei veicoli che devono essere in grado di arrivare almeno a 250 chilometri. E la grande maggioranza si sentirebbe molto più rassicurata se fosse estesa la rete delle colonnine di ricarica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here