Come cambia il listino auto elettriche e ibride con l’aumento dell’Iva al 22%

0
1569

Con l’incremento dell’IVA al 22% cambiano tutti i listini delle auto vendute in Italia. E le case ne approfittano per introdurre modifiche e novità. Ecco le principali

Abbiamo rivisto tutto il nostro listino apportando le modifiche e le novità introdotte dalle case soprattutto con l’innalzamento dell’Iva al 22%.

Audi rivede i listini di tutta la gamma, incluse le poco diffuse versioni ibride. La più “piccola” è la A6 Hybrid, disponibile solo in versione berlina in due allestimenti. I nuovi prezzi sono di 58.990 e 62.240 euro per la più ricca versione Ambiente. Sparisce invece, con il recente restyling, la ammiraglia A8 ibrida, mentre l’offerta Audi si completa con la Suv Q5, la cui versione ibrida è disponibile in quattro allestimenti a partire da 58.430 euro.

Grandi novità in casa Bmw: vengono confermate le versioni ActiveHybrid delle serie 3, 5 e 7 tutte in versione berlina a quattro porte, ma la grande novità è la i3 che debutta nella versione full-electric e range-extender con autonomia portata a circa 300 chilometri. Il prezzo della Bmw i3 è di 36.499 euro, che diventano 41.137 in versione range-extender (Re). Per le ActiveHybrid i nuovi prezzi sono i seguenti: la ActiveHybrid 3, disponibile in cinque allestimenti, parte da 56.312 euro a arriva a 61.050 euro, la ActiveHybrid 5 è offerta in tre varianti da 65.699 a 71.647 euro, mentre la ammiraglia ActiveHybrid 7 è in un unico allestimento a 96.844 euro.

Cambiano i prezzi della gamma ibrida PSA per il passaggio dell’IVA al 22%. La gamma rimane invariata, ma la Peugeot 508 HYbrid non è più disponibile con carrozzeria berlina. Aumenti per tutte, con qualche modifica nella composizione delle gamme. Per quanto riguarda Peugeot, la piccola elettrica i-On rimane in listino a 30.639 euro, mentre le diffuse ibride 3008 HY4 sono interessate da un aumento: la versione 88g viene ora 36.000 euro, la HY4 37.500 euro. Cambiamenti nella gamma 508: la 508 HY4 berlina non è più disponibile, mentre la 508 RXH, su base 508 SW con assetto rialzato, costa ora 44.250 euro.

Passando a Citroen, la full-electric C-Zero aumenta di 250 euro e ora costa 30.641 euro. Le DS5 HYbrid4 Airdream rimangono in listino in quattro allestimenti, con prezzi a partire da 39.450 euro della Chic fino ai 45.650 della Sport Chic. Disponibili anche vetture in esaurimento stock a prezzi sensibiìlmente inferiori. Parlando di elettriche Peugeot e Citroen è doveroso infine citare anche la Mitsubishi i-MIEV, che ora costa 32.214 euro a seguito dell’aumento dell’IVA.

Significativa riduzione dei prezzi di listino delle Chevrolet Volt e delle Opel Ampera. A parità di dotazioni, e nonostante l’aumento dell’Iva, oggi “bastano” circa 40.000 euro per metterle nel box. Chevrolet Volt da 39.815 euro, Opel Ampera da 40.220 euro. Questi i nuovi prezzi di listino delle elettriche range-extender General Motors, nonostante l’aumento dell’IVA e una dotazione invariata rispetto alle versioni finora in vendita. Una riduzione che segue quella già introdotta in Nordamerica, dove già da qualche mese i prezzi sono stati ridotti anche in conseguenza dell’introduzione della rinnovata Nissan Leaf, e dello scarso successo finora tributato dal mercato a queste vetture. In Italia, nei primi nove mesi, sono state infatti vendute solo 7 Chevrolet Volt e 17 Opel Ampera. Numeri bassissimi, soprattutto per la Chevrolet Volt, che anche nel 2012 non è andata al di là di soli 9 esemplari consegnati, mentre è andata un po’ meglio alla Opel Ampera, con in 91 esemplari venduti in tutto il 2012.

Sempre in tema di americane, la Cadillac toglie dal listino la Escalade Hybrid. Non una grande perdita, visti i limitati numeri di vendita di questa mega suv da oltre 6 litri di cilindrata “imbellettata” con un sistema ibrido installato più per immagine che per reale volontà di diminuzione di consumi ed emissioni.

Proseguendo nel listino, la Honda mantiene in gamma la Jazz Hybrid a prezzi invariati, ma escono la Insight e la CR-Z, vetture interessanti ma commercialmente sfortunate nonostante la validità delle soluzioni adottate e, nel caso della piccola coupé CR-Z, anche dell’originalità della linea e delle prestazioni più che brillanti.

Infiniti ritocca solo l’Iva per la berlina M35h: adesso i due allestimenti, GT e GT Premium, costano rispettivamente 59.195 e 65.270 euro rispettivamente.

Aumento di prezzo per tutte le Lexus, corrispondente all’aumento dell’Iva. In più, entra in gamma la GS300h, con meccanica derivata dalla IS300h e prezzi a partire da 49.500 euro.

Ritocchi anche per le Mercedes, con le versioni ibride delle E e delle S. La prima è disponibile con carrozzeria berlina e station-wagon, e costituisce una sensata alternativa alle versioni standard con motorizzazione a gasolio, visto che l’incremento di prezzo è di circa 2.500 euro rispetto alle 250 CDI standard, mentre la seconda è la tradizionale super ammiraglia eqipaggiata con un sofisticato sistema ibrido. A prezzi intorno a 100.000 euro. Spiccioli, rispetto alla SLS Electric Drive: la supercar elettrica da 750 Cv arriva, con l’Iva al 22%, alla bella cifra di 432.000 euro. All’estremo opposto della gamma, anche le piccole Smart electric drive subiscono un aumento, nell’ordine però del centinaio di euro.

Nissan conferma la srategia di vendita per la Leaf, sempre disponibile con batteria acquistata o a noleggio. Invariati i prezzi per la versione base e intermedia, gli aumenti sono concentrati solo sulla lussuosa versione Tekna. I nuovi prezzi partono quindi da 24.790 euro per la Visia con batteria a noleggio, e arrivano a 36.590 euro per la Tekna con batterie. Noleggiando le batterie i prezzi sono poi di 27.990 euro per la Acenta e 30.690 euro per la Tekna, mentre la vettura completa parte dai 30.690 euro della Visia e arriva ai 36.590 euro della Tekna passando per i 33.890 della Acenta.

Cambiano anche i prezzi delle lussuose Porsche Panamera e Cayenne Hybrid: per chi se le può permettere, la berlinona costa 114.678 euro, la grossa suv 86.407 euro. Per risparmiare sul prezzo di acquisto c’è anche la Touareg: meccanica praticament eidentica, e listino a 78.700 euro.

Modifiche anche alle full-electric Renault: la Twizy base resta invariata, ma tutte le versioni aumentano di 100 euro, mentre più consistenti sono gli incrementi di prezzo della Zoe, che passa a 21.850 euro in versione Life e 23.650 euro per le Intens e Zen. Cresce anche, a chi interessa, il prezzo della Fluence.

Aumenti diffusi anche per le Toyota: la Yaris Hybrid parte da 18.650 euro e arriva a 20.550 euro, e vede così aumentare il suo differenziale di prezzo rispetto alle versioni tradizionali: a parità di allestimento, la Yaris Hybrid consta 3.350 euro in più della 1.3 a benzina e 2.200 euro in più della 1.4 diesel. Cifre notevoli, soprattutto se paragonate al delta prezzo esistente tra le Auris: rispetto alla 1.6 a benzina la Auris Hybrid costa 2.200 euro in più mentre rispetto alla 1.4 diesel il differenziale si riduce a 1.200 euro.

Ultima in ordine alfabetico, la Volvo: la sua V60 D6 AWD Geartronic, che accoppia un diesel a un elettrico, costa ora 60.395 euro.

Questa mailing list usa Mailchimp. Iscrivendoti ad una o più liste, contestualmente dichiari di aderire ai suoi principi di privacy e ai termini d'uso.

In ottemperanza al GDPR, Regolamento UE 2016/675 sui dati personali, ti garantiamo che i tuoi dati saranno usati esclusivamente per l’invio di newsletter e inviti alle nostre attività e non verranno condivisi con terze parti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here