Cybermobility: la nuova frontiera della mobilità urbana

0
1092

Il futuro della mobilità urbana si intreccia con quello della tecnologia digitale, se ne parla a Torino allo Smart Mobility World dal 25 settembre

Per arrivare alla mobilità sostenibile si deve guardare a un’ottica di sistema e non di prodotto. Nella città di un futuro sempre più alle porte sarà come se una invisibile torre di controllo gestisse il movimento di mezzi, persone e cose, suggerendo i percorsi migliori e disciplinando il traffico; sfruttando il mix ottimale di mezzi pubblici e privati; indirizzando a parcheggi di scambio; verificando che le merci in viaggio siano trasportate da chi è titolato a farlo; rendendo off-limits al traffico determinate zone.

La Cybermobility è tutto questo e altro ancora. Vera e propria “nuova frontiera” della mobilità urbana, ha per sistema nervoso la rete Internet e usa smartphone e dispositivi digitali di bordo per interfacciarsi con il mondo fisico.

Sarà a “Smart Mobility World”, in programma al Lingotto di Torino il 26-27 settembre prossimi e con una sessione europea il 25, che si affronteranno, con logica intersettoriale, esperienze e idee su temi come Big Data, Smart City e Digital signage, confrontandosi sulle implicazioni territoriali e tecnologiche della prospettiva che li riunisce.

I forum “ITN Infrastructures and technologies for the Smart City” e “Telemobility” ospiteranno dibattiti e seminari dedicati allo stato dell’arte sulla connettività, sul digitale e sulla mobilità integrata.

Quest’anno a questi eventi si aggiungerà anche “Green Cars Forum”, mirato in modo specifico al settore Automotive, in cui si discuterà del connubio virtuoso fra i due primattori della cybermobility: le tecnologie ICT e i veicoli a basso impatto ambientale. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here