299 euro al mese l’offerta all-inclusive per una Nissan Leaf e box ricarica Enel

Enel e Nissan hanno messo a punto l'offerta e-go, che comprende anche l'installazione di una wallbox domestica

0
3864

Un anticipo di 5.800 euro, poi un canone fisso di 299 euro per 36 mesi, ecco in sintesi l’offerta e-go all inclusive messa a punto da Nissan ed Enel.

Da oggi è quanto basta per ricevere, chiavi in mano, una Nissan LEAF da 30 kWh (autonomia fino a 250 km), per vedersi installata gratuitamente una propria stazione di ricarica domestica (entro un raggio di 5 metri dal contatore del distributore) e per poter individuare e utilizzare le colonnine pubbliche Enel su tutto il territorio nazionale grazie a un’app dedicata “e-go”.

I dettagli dell’offerta e-go all inclusive

Fino al 31 dicembre 2016 le ricariche saranno gratis (un pò in stile Supercharger), dopodichè sarà applicata una tariffa promozionale, con una originale formula a tempo anzichè a kWh, pari a 0.025 euro al minuto comprese Iva e imposte senza costi fissi nè costi di attivazione.

Non è previsto un limite annuo di chilometraggio, mentre i tagliandi non sono compresi nel canone. Con uno schema classico, poi, al termine dei 36 mesi, è previsto un “valore futuro garantito (rata finale)” di 11.452 euro.

Un’iniziativa a più ampio respiro

Questa offerta congiunta Nissan-Enel è interessante anche per la visibilità che dà all’iniziativa di infrastrutturazione nazionale con colonnine pubbliche.

Le colonnine di ricarica Enel supportano due tipi di connettori, ma una sola ricarica alla volta, ed erogano un massimo di 3.3 kW lavorando a 16A su 230V, quindi con condizioni del tutto equivalenti a quelle di un normale allacciamento residenziale. Niente di straordinario, quindi, per quanto riguarda la velocità di ricarica.

E per quanto riguarda il costo? se la tariffa è di 2.5 cent/minuto e si suppone che la colonnina eroghi costantemente il massimo della potenza, in un minuto vengono erogati 0.055 kWh. Quindi il costo onnicomprensivo al kWh risulta essere di 45 centesimi: l’energia non appare particolarmente a buon mercato se si confronta questa cifra con i prezzi pagati da una normale utenza residenziale, che si aggirano sui 20 centesimi/kWh (sempre onnicomprensivi: energia, trasporto, gestione contatore, oneri di sistema, accise, IVA).

Vero è che lo sforzo di infrastrutturazione del territorio da parte di Enel è un’iniziativa indispensabile che va incoraggiata e remunerata, però, anche considerando la tariffa, avremmo apprezzato delle colonnine a ricarica un po’ più rapida.