Da General Electric generatori ibridi a fuel cell

0
2582

Un altro passo verso una infrastruttura di generazione di energia distribuita

Diciamo subito che l’obiettivo, per ora, non sembra essere la generazione di energia elettrica per impiego residenziale. Date le dimensioni e il probabile costo del macchinario è più probabile l‘impiego per alimentare data center o piccoli impianti industriali. Tuttavia è interessante vedere come procede la maturazione della tecnologia della generazione autonoma e distribuita di energia elettrica.

Il sistema a cui sta lavorando General Electric combina una cella a combustibile con un più convenzionale motore a gas. La fuel cell funziona a idrogeno: in questo caso però non è immagazzinato in pesanti e pericolose bombole ad alta pressione, ma ricavato sul posto da gas naturale trattato con vapore acqueo ad alta temperatura

Il processo è noto come reforming. Il gas residuo, che contiene monossido di carbonio e ancora tracce di idrogeno, è noto come syngas e viene trattato per convertirlo in idrocarburi semplici con i quali alimentare il motore a combustione interna per ricavarne l’energia residua. Il rendimento totale raggiunge così il 70%, un valore superiore anche a quello tipico delle più moderne centrali termoelettriche a ciclo combinato a gas. Come dire che il sistema GE combina i vantaggi della generazione distribuita con una maggiore efficienza energetica.

Il sistema dovrebbe essere commercialmente disponibile nel giro di alcuni anni.

Fonte: IEEE Spectrum

Questa mailing list usa Mailchimp. Iscrivendoti ad una o più liste, contestualmente dichiari di aderire ai suoi principi di privacy e ai termini d'uso.

In ottemperanza al GDPR, Regolamento UE 2016/675 sui dati personali, ti garantiamo che i tuoi dati saranno usati esclusivamente per l’invio di newsletter e inviti alle nostre attività e non verranno condivisi con terze parti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here