Do you “Enjoy”? L’auto e il servizio sì, il software meno

1
4088

Greenstart ha provato il nuovo servizio Enjoy lanciato ieri da Eni a Milano. Ecco le nostre impressioni e un confronto con il rivale Car2Go

Abbiamo voluto provare il servizio Enjoy debuttato ieri a Milano, anche per confrontarlo con lo stranoto concorrente di origine tedesca: Car2go.

In generale l’auto ci è sembrata più godibile, le tariffe più convenienti e le varie notifiche più immediate; encomiabile la semplicissima procedura di registrazione, che forse solo causa del numero elevato di accessi, solo in un caso su due è andata a buon fine. Ancora decisamente immatura, invece, l’app per Android.

Al momento in cui scriviamo le auto sono tutte Fiat 500 (nessuna 500L) e la flotta ne conta già ben 261 disponibili sul territorio milanese. Ma procediamo con ordine.

Prima di tutto la registrazione: qui Enjoy straccia decisamente il rivale per comodità e facilità. Si fa tutto online, in due minuti, senza doversi recare di persona in un punto di registrazione. Perfino la registrazione della patente di guida si fa semplicemente dandone il numero e la data di scadenza: niente fotocopie, firme o altro.

Gli step della procedura sono chiarissimi. Unico neo, abbiamo incontrato qualche inciampo nell’ultimo passo, quello della registrazione della carta di credito. Qui ci è capitato due volte un timeout, mentre una carta Visa è stata rigettata prima ancora di arrivare alla fase di autenticazione Secure Code Visa/Mastercard. Alla fine siamo riusciti a registrare una Mastercard prepagata. Non sono accettate le Amex.

Una volta registrati si riceve il Pin via mail e SMS. Meglio custodirla accuratamente perchè sul sito non è immediato trovare la funzione per richiedere il re-invio. E’ più in evidenza la possibilità di richiederlo telefonando a un numero verde. 

Nel secondo tentativo di registrazione tutto è andato a buon fine, ma invece di ricevere il Pin abbiamo ricevuto una mail che ci ha informato che era in corso “un rallentamento di tutti i sistemi causato dall’elevatissimo numero di richieste”. Buon per Eni, meno per noi che al momento in cui scriviamo, giovedì pomeriggio, almeno per la seconda registrazione, siamo ancora in attesa del Pin.
UPDATE ore 21.10: il pin della seconda registrazione è stato recapitato sia via mail sia via Sms

Le vere magagne riguardano però l’app per Android, su cui ci sarà ancora da lavorare per ottimizzare il codice. I principali problemi a nostro avviso sono i seguenti:

– la lentezza all’avvio: la schermata di benvenuto con il logo Enjoy resta fissa per circa 5 secondi.

– ci è capitato varie volte un laconico “si è verificato un errore”

– prenotata l’auto si arriva in una schermata con il count down (sono concessi 30 minuti per raggiungere l’auto, come con Car2Go) ma non sembra esserci modo di uscirne per tornare al menu principale (per esempio per disdire la prenotazione), se non chiudendo e rilanciando l’applicazione.

– la password del profilo utente, creata sul sito e da questo accettata, non veniva invece accettata dall’app Android! Cambiata con una contenente caratteri diversi, è stata finalmente accettata. Apparentemente c’e’ un disallineamento sui caratteri accettati dall’app Android e dal sito.
 
– il sito web non si apre facilmente da Android: si viene ridiretti sul play store. Bisogna imbrogliarlo chiedendo il sito in versione desktop. Ma poi iniziano i guai. La pagina non e’ riscalabile ne’ trascinabile: quindi il pulsante Login, che è quasi all’estrema destra della barra orizzontale, finisce fuori schermo e risulta inaccessibile. Non ci si riesce quindi a loggare (con uno smartphone con risoluzione 1920×1080, nemmeno in orientamento landscape). Bisogna per forza usare l’app.

Arrivati all’auto si deve aprirla. Se si è fortunati, sull’app appare la schermata con il pulsante per aprire le porte, altrimenti si comincia a litigare con l’applicazione, la si chiude e rilancia, nel nostro test non ci ha segnalato che un noleggio era già in corso, ma ci ha offerto nuovamente di prenotare l’auto (stranamente l’app non previene questa richiesta e segnala come prenotabile l’auto, in compenso appena la si prenota l’app protesta, giustamente, perchè l’auto in realtà non era libera ma già prenotata).

Se tutto funzionasse perfettamente, l’apertura porte via app sarebbe una soluzione perfino migliore del badge Rfid usato da Car2Go, perchè si potrebbe aprire l’auto mentre ci si avvicina alla portiera, trovandola aperta senza tempi morti.

A bordo deludono lo schermo del navigatore, piccolo e per nulla integrato con la plancia; la sintesi vocale, scadente, il posizionamento delle chiavi, che giacciono nel portaoggetti o dove il precedente cliente avrà deciso di lasciarle (meglio la soluzione Car2Go, con una apposita sede ricavata sul cruscotto).

Per partire viene chiesto il Pin di 4 cifre, seguito dal solito questionario sullo stato interno/esterno. Fortunatamente il navigatore-controller risponde velocemente ai comandi, a differenza di quello Car2Go con cui, con frequenza irregolare, si verifica qualche ritardo di risposta alle pressioni dei tasti.

Alla guida la 500 convince più della Smart di Car2Go per prestazioni, confort, senso di sicurezza e controllo generale, leggerezza dello sterzo elettrico. Il cambio è manuale ma ben manovrabile grazie alla posizione elevata; ci è parso che non ci fosse lo Start/Stop.

Un pò scomoda invece la radio, con il controllo del volume a pulsanti, meno intuitivo e immediato di quello a manopola. Un po’ troppo piccolo e sperduto in mezzo a troppi altri indicatori è l’orologio, che su un’auto a noleggio con tariffa al minuto è quasi più importante dello stesso tachimetro.

A fine noleggio, se si conferma la chiusura (a proposito, viene offerta come alternativa quella di entrare in modalità parcheggio, al costo ridotto di 10 cent/minuto) una voce sintetizzata di bassa qualità invita a controllare la chiusura dei finestrini e ad attendere che la spia alla base del parabrezza diventi arancione. Cosa che alla fine succede, ma decisamente con calma (10-15 secondi di attesa al freddo e sotto la pioggia a fissare la scatoletta). Strano anche che la spia debba diventare arancione (“prenotata”).

Chiuso il noleggio sono diverse le sorprese piacevoli. La fattura arriva immediatamente, sia su email sia via Sms. È anche molto chiara, anche se il prezzo dei km aggiuntivi è indicato in euro al minuto anzichè euro al km. Una distrazione del programmatore facendo copia-incolla e un controllo qualità che non fa caso alle unità di misura. Può capitare.

Anche gli eventi “prenotazione” e “annullamento prenotazione” sono segnalati con estrema immediatezza. Infine, una nota sui consumi della 500. Per un noleggio di meno di un km il serbatoio è passato dal 100% al 98%.. non male, ci ricorda certe storie sulle auto elettriche nei climi rigidi..

1 COMMENTO

  1. GRANDE PROBLEMA CON ENJOY!
    il 16 giugno, un giovedì, ho noleggiato una macchina Enjoy intorno alle 22.30 per rientrare a casa. Da considerarsi che ero davvero vicina quindi ho impiegato scarsi 15 minuti per un totale di 2 km (attestati effettivamente dalla ricevuta di pagamento). Ho quindi parcheggiato l’auto sotto casa mia, terminato il noleggio e come faccio SEMPRE aspettato che partisse la vocina del computer, e poi che si chiudessero le porte, come effettivamente accaduto.
    il giorno dopo (venerdi 17) sono partita per il week-end e rientrata la domenica 19, notando cosa MOLTO strana che l’auto era ancora parcheggiata li allo stesso modo, cosa strana perchè in quella zona noleggiano sempre! Li per lì non pensandoci sono salita in casa… così anche il giorno dopo(lunedì 20). Il martedì 21, davvero insospettita della situazione, mi sono avvicinata anche un pò impaurita e notato che l’auto era ancora APERTA!!!! ho SUBITO provveduto a RI EFFETTUARE il termina noleggio ho aspettato di nuovo la chiusura dell’auto, e controllato la fattura con un bel regalino di 315 EURO!
    Ora controllando la fattura ci sono, in più, diversi errori:
    1- giorno di noleggio 21/07 ( effettivo noleggio 16)dalle dalle ore 22.17 km percorsi 2 ore di noleggio 120 h 59 e ditemi quale mago può fare una cosa simile!
    2- se davvero vogliono farmi passare le 121 ore allora secondo la matematica 121/24 equivale a 5 giorni per un totale quindi di 250 euro e NON di 315, primo furto
    3- i gentilissimi signori di Enjoy mi hanno gentilmente chiuso la pratica senza la minima spiegazione dell’accaduto, e senza dati o prove degli effettivi movimenti dell’auto
    4- io ho ovviamente già provveduto a riaprire la pratica con una lettera di contestazione(prima di partire per vie legali) ma l’efficienza del servizio non è riuscita a rispondermi dopo appena 5 ore dall’invio della suddetta lettera!
    vabè… io ovviamente ho dato tutte le mie spiegazioni accertate su carta scritta e ho chiesto indietro i MIEI SOLDI che mi hanno cortesemente derubato entro 15 giorni da oggi.
    voi avete altri consigli da darmi???
    sapete chi contattare? o se secondi voi dovrei rivolgermi al serivzio a tutela del consumatore?
    grazie mille per tutti i consigli e il supporto!
    Chiara

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here