Donata al Papa la citycar elettrica italiana NWG Zero

0
4503

Benedetto XVI ha poi messo la NWG Zero a disposizione della Sala stampa vaticana. La targa sarà SCV 00173

Un’azienda di Prato attiva nel settore degli impianti fotovoltaici, NWG, ha da alcuni anni deciso di impegnarsi anche nella produzione di automobili elettriche made in Italy. Da questa decisione è nata la NWG Zero: una citycar in alluminio a 2 posti e 2 porte, lunga solo 2.88 metri (pochi centimetri più di una Smart) e pesante 542 kg comprese batterie. Classificata come “quadriciclo elettrico pesante” e guidabile già a 16 anni (purtroppo la versione attualmente in vendita non può circolare in autostrada), dotata di due bagagliai (rispettivamente da 30 e 150 litri), gommata 175/55 R15 e priva di cambio, la vettura è ben accessoriata e include anche alcune “chicche” come la presa iPod o il selettore di profili di guida (Race, Standard, Economy e Rain).

La società ha deciso di donare una Zero al Papa, del quale è nota la sensibilità ai temi del rispetto e tutela dell’ambiente. Benedetto XVI ha deciso di mettere la citycar elettrica a disposizione della Sala stampa vaticana; la vettura è stata consegnata al direttore Padre Federico Lombardi e al vice direttore Padre Ciro Benedetti dai fondatori e dall’amministratore delegato di NWG. Una curiosità: con l’arrivo della Zero, il numero di auto finora immatricolate nella Città del Vaticano arriva a quota 173 (SCV 00173 sarà appunto la targa della nuova arrivata) di cui 3 elettriche.

Ma torniamo alla Zero. Le batterie sono agli ioni di Litio, sopportano 1.500 cicli completi di carica e a 220V si ricaricano al 100% in 5-9-14 ore (al costo approssimativo di 2 euro) a seconda dell’impostazione scelta sul caricabatterie, mentre con lo speciale caricatore a 380V si può avere una carica all’80% in soli 50 minuti; il motore è un asincrono trifase montato sull’asse posteriore ed eroga una coppia di 150 Nm. Non dichiarata la potenza del motore, mentre dai tempi e costi di ricarica dichiarati possiamo stimare che la capacità della batteria si aggiri sui 15 kWh. La velocità massima è di 100 km/h e l‘autonomia stimata, con guida Economy, è di 140 km. Da questi dati si può stimare che in condizioni ottimali la vettura per avanzare consumi circa 0.1 kWh per km; una quantità di energia che corrisponde a un consumo di 3.3 litri di benzina per 100 km (se la vettura avesse un motore termico con rendimento del 30%). Data la ridotta sezione frontale e il peso contenuto il quadro tecnologico ed energetico ci appare quindi credibile.

Interessante il prezzo di 24mila euro comprese le batterie. Non eccezionale la garanzia 2 anni. Secondo il produttore, dalla data del lancio (Novembre 2011) sono stati già venduti circa 500 esemplari della Zero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here