Ecco come chiedere l’incentivo Rinnova Veicoli della Regione Lombardia

Domande da presentare esclusivamente online sulla piattaforma di Regione Lombardia dopo aver pagato il bollo, qualche deroga per le auto elettriche

0
1345
incentivo regione lombardia come ottenerlo

Il bando incentivi 2019 della Lombardia è sufficientemente chiaro e accessibile (anche se non privo di stranezze e curiosità di cui parliamo in articolo a parte). Vediamo le principali cose da sapere.

Innanzitutto bisogna sottolineare che la domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente online sulla piattaforma informativa Bandi online previa registrazione all’indirizzo www.bandi.servizirl.it/procedimenti/bando/RLT12019008702 dalle ore 10:00 del 15/10/2019 entro le ore 16:00 del 30/09/2020 (salvo esaurimento anticipato delle risorse).
A conclusione della procedura il sistema informativo rilascia in automatico numero e data di protocollo della domanda di contributo presentata.

Attenzione: la presentazione della domanda NON è gratuita, ma deve essere perfezionata con il pagamento dell’imposta di bollo attualmente vigente di 16 euro – ai sensi del DPR 642/1972 – o valore stabilito dalle successive normative. A seguito del completo caricamento della documentazione richiesta, il soggetto richiedente dovrà procedere all’assolvimento in modo virtuale della marca da bollo tramite carta di credito sui circuiti autorizzati accedendo all’apposita sezione della piattaforma informativa.

Quale documentazione allegare per accedere all’incentivo

La documentazione da allegare è la seguente:

  • Copia della fattura emessa dal venditore del veicolo che riporti lo sconto praticato almeno del 12% in caso di immatricolazioni avvenute successivamente al 15 ottobre 2019.
  • Per i soli acquisti tramite leasing, copia del contratto e fattura relativa al maxi canone anticipato.
  • Per i soli veicoli elettrici puri non ancora in possesso della targa di immatricolazione, copia dell’ordine di acquisto, riportante lo sconto di almeno il 12% oppure di almeno 2.000 euro (IVA inclusa).

Le deroghe per l’acquisto di auto elettriche

Più in dettaglio, solo nel caso specifico di acquisto di autovetture elettriche pure è consentita la possibilità di non inserire a sistema il numero di targa di immatricolazione e quindi di procedere alla presentazione della domanda di accesso al contributo a fronte della presentazione della copia del contratto dell’avvenuto acquisto, in relazione ai tempi lunghi di consegna di questa tipologia di veicoli.

L’erogazione del contributo avverrà comunque successivamente all’inserimento a sistema del numero di targa di immatricolazione, a seguito di relativa istruttoria per la verifica dei requisiti richiesti per questa tipologia di autovetture. Sempre specifico per le elettriche è l’importo dello sconto che il venditore deve praticare, pena la non concessione dell’incentivo: almeno 2.000 € (IVA inclusa). Anche in questo caso il prezzo di listino di riferimento è quello definito alla data del 1° agosto 2019. Lo sconto deve essere esplicitato in fattura, pena la non ammissibilità della domanda.

E’ prevista una finestra di sospensione dalla possibilità di inserire le domande dalle ore 16.00 del 13 dicembre 2019 fino alle ore 10.00 del 15 gennaio 2020.

Le istruzioni operative su come richiedere online il contributo sulla piattaforma informativa Bandi online sono disponibili alla pagina dedicata del sito della Regione.

Il contributo a fondo perduto viene erogato a seguito dell’avvenuto acquisto della nuova autovettura, previa radiazione di un veicolo inquinante, rispondente ai requisiti richiesti. L’entità del contributo dipende dalle emissioni di PM10, CO2 e NOx, secondo la tabella seguente:

PM10 <= 4.5 mg/km

Emissioni
CO2
Ciclo NEDC
Emissioni
NOx
Ciclo RDE
Importo
incentivo
spettante
Punteggio
sostenibilità
ambientale
008000100
<= 60 g/km <= 60 mg/km 600090
<= 60 g/km <= 85.8 mg/km 500080
<= 60 g/km <= 126 mg/km 400070
60<CO2<=95 g/km <= 60 mg/km 500080
60<CO2<=95 g/km <= 85.8 mg/km 400070
60<CO2<=95 g/km <= 126 mg/km 300060
95<CO2<=130 g/km <= 60 mg/km 400070
95<CO2<=130 g/km <= 85.8 mg/km 300060
95<CO2<=130 g/km <= 126 mg/km 200040
CO2>130 g/km e/o NOX > 126 mg/km 00

Attenzione: la presentazione della domanda NON dà automaticamente accesso al contributo. Le domande di accesso al contributo sono sottoposte ad una istruttoria formale e tecnica. Le domande formalmente ammissibili saranno sottoposte a verifica istruttoria tecnica, che è effettuata sulla base del criterio di “valutazione di sostenibilità ambientale” del veicolo.

Le domande in possesso dei requisiti di ammissibilità formale e tecnica che abbiano ottenuto una valutazione non inferiore a 40 punti di “sostenibilità ambientale” (come da tabella sopra riportata) saranno ammesse ad una graduatoria sulla base di un ordine cronologico di presentazione della domanda. Ogni procedimento si conclude con la pubblicazione dell’esito in un decreto recante l’indicazione delle domande ammesse, del punteggio ottenuto e dell’entità del contributo e che darà atto delle domande non ammesse per carenza dei requisiti formali, ovvero per valutazione insufficiente, e delle domande ammesse in graduatoria ma non beneficiarie del contributo per eventuale esaurimento della dotazione finanziaria.

Ciascuna persona fisica può presentare una sola domanda di contributo, e per poter richiedere il contributo l’autovettura radiata e quella acquistata devono essere intestate alla medesima persona fisica. Condizione necessaria è essere in regola con il pagamento del bollo.

Inoltre la residenza in un Comune appartenente alla Regione Lombardia è un requisito fondamentale per poter presentare la domanda. L’autovettura da radiare deve risultare intestata al richiedente antecedentemente alla data del 26/09/2019 (data di pubblicazione della delibera n. 2157 sul BURL S.O. n. 39) per evitare fenomeni di passaggi di proprietà di veicoli obsoleti, anche da fuori Regione, finalizzati al solo accesso all’incentivo regionale.

Come fare per sapere se la propria domanda è stata ammessa? A tutti i soggetti partecipanti è effettuata specifica comunicazione circa l’esito della valutazione all’indirizzo e-mail indicato in domanda. In particolare, per le domande ammesse, verrà indicato il punteggio ottenuto e l’entità del contributo. Durante il periodo di verifica istruttoria, Regione Lombardia si riserva la facoltà di richiedere ulteriore documentazione o chiarimenti a integrazione della domanda presentata. La richiesta di integrazione, che deve essere soddisfatta entro 15 giorni dalla sua ricevuta, interrompe il termine per la conclusione del procedimento.

Quando avviene l’erogazione del contributo

L’erogazione del contributo avverrà entro 6 mesi dal decreto di approvazione della concessione (e questa è una novità rispetto al decreto originale, in cui si parlava di bonifico entro 90 giorni). Per i soli veicoli elettrici che abbiano inserito successivamente alla domanda di accesso al contributo la targa di immatricolazione a sistema, l’erogazione avverrà entro i sei mesi successivi a tale inserimento.

Questi e altri chiarimenti sul bando sono reperibili anche in apposito documento pubblicato sul sito della Regione Lombardia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here