Formula E, a Roma JEV vince e Bird è 1°: Crash Test per la Season 7

Crash test a Roma con Vergne che apre bottega vincendo gara 1. Jaguar prima come squadra e con Bird.

0

Il prequel di Diriya, in febbraio, era tanto necessario per avviare la stagione quanto fuorviante per i reali valori tecnici. Al termine della doppia gara troviamo DeVries (Mercedes) a 32, poi Bird (25) su Jaguar e Frijns (22) con la Envision. Tra i team, invece, Jaguar (40) scavalca di poco Mercedes (36) e prende mezza vettura su Envision e Dragon (22).

Due mesi dopo eccoci ad aprire la stagione europea, sempre senza pubblico e con la necessità di risparmiare. La successiva stagione americana vede al momento la sola tappa di Santiago del Cile: in attesa della conferma del resto del calendario, la possibilità che la stagione europea possa essere l’unica di questa stagione continua a serpeggiare sotto traccia.

In Italia si continua a parlare della possibilità di un’auto Stellantis per il futuro elettrico. Nel 2017 si dava per fatta la e-Maserati, ma poi non si è fatta e di un’auto italiana nel circuito elettrico non si parla da tempo. E poiché passano 18 mesi tra iscrizione e omologazione, non se ne parlerà ancora per un bel po’.

Il circuito urbano di Roma è stato ridisegnato per la stagione 7. Sono rimasti dislivelli ed irregolarità che lo rendono interessante, ma il nuovo tracciato propone rettilinei più lunghi e veloci per quei sorpassi che stanno diventando essenziali anche nell’elettrico.

L’appuntamento romano vedrà anche il lancio della Techeetah DS E-TENSE FE21, che prenderà il testimone dalla versione 20, la monoposto campione in carica.

Techeetah spinge

Il nuovo propulsore sviluppato da DS Performance rappresenta un grande passo avanti in termini di tecnologia. Motore, cambio ed inverter sono notevolmente migliorati: il team cinese punta al terzo doppio titolo in Formula E. Avvio romano col botto proprio per la Techeetah, visto che alla fine delle libere 1 Turvey (NIO) ha centrato Dennis (BMW) e Vergne (DS Techeetah), 

Nella prima eliminatoria romana Rowland (14 punti) si suicida ad un passo dalla pole, che va a Vandoorne (4 p.) seguito da Lotterer (ancora a secco) e comunque il velocissimo Rowland (14), terzo. Il nostro favorito Bird parte decimo.

Parlando di umidità, subito prima della gara e all’avvio è caduta qualche goccia d’acqua, ma difficilmente qualcuno modificherà i settaggi da asciutto ma la partenza è dietro alla safety car che ora è una Mini.

Il nuovo percorso, va detto, rende moltissimo nella ripresa TV.

Incastro penalizzante

A 38 dalla fine Lotterer cerca il sorpasso su Vandoorne e i due s’incastrano. Quando si liberano sono 7° e 12°. Poi Lotterer in investigazione prenderà 5 secondi di penalità.

Rowland in testa ma troppa corrente, drive through a -32 e buonanotte. DiGrassi è in testa!

Inizia la lotteria degli attack mode, che finirà al minuto 9: primo Vergne seguito da DiGrassi, DeVries, Frijns e poi Bird. A 8:36 la coppia Jaguar salta Frijns.

JEV sorpassa ed è primo

Ma il fattaccio si verifica a 5 dalla fine: DiGrassi rallenta per motivi tecnici, DeVries per evitarlo colpisce Vandoorne e tutti e tre sono fuori, ancorché illesi.

JEV finisce primo! Bird + Evans sul podio, Safety in pista e giochi finiti. Jaguar in testa al mondiale costruttori e Bird primo tra i piloti. Ora training autogeno fino al pranzo di domani.


Questa mailing list usa Mailchimp. Iscrivendoti ad una o più liste, contestualmente dichiari di aderire ai suoi principi di privacy e ai termini d'uso.

In ottemperanza al Gdpr, Regolamento UE 2016/675 sui dati personali, ti garantiamo che i tuoi dati saranno usati esclusivamente per l’invio di newsletter e inviti alle nostre attività e non verranno condivisi con terze parti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here