Formula E – Berlino fa girare la testa: 6 gare in nove giorni

L’obiettivo è arrivare alla stagione 2020/21 quando l’elettrico verrà riconosciuto come campionato mondiale FIA. Ma ‘a nuttata ha ancora da passà

0
249
I tre diversi tracciati per le 6 gare (tre doppie) che permetteranno di chiudere formalmente la stagione 2019/2020 di Formula E.

Simulatori ed e-Sports hanno scandito l’adrenalina della pista di Formula E durante il lock-in, ed ora tutto è pronto per ripartire. La soluzione trovata per chiudere la stagione è una vera e propria pezza: sei gare sullo stesso circuito in soli nove giorni!

Berlino, o meglio l’aeroporto Tempelof, ospiterà tre doppie gare a giorni successivi e con rilevanti modifiche al tracciato: 5/6, 8/9 e 12/13 agosto.

La modifica più sconvolgente riguarda il tracciato delle gare 6 e 7: il senso di marcia originale verrà invertito e passerà da antiorario a orario. È la prima volta che viene proposta questa soluzione, tutt’altro che banale da implementarsi e non solo in Formula E: si pensi alle segnalazioni e alla sicurezza. Proprio per avere il tempo necessario, l’inversione verrà operata per la prima coppia di gare.

Con un solo giorno di pausa, le gare 8 e 9 si disputeranno sul tradizionale layout di Tempelhof.

La configurazione delle gare 10 e 11, che chiudono la sesta stagione, sarà completamente diversa. Il layout è più tecnico, con due terzi del tracciato più stretto e tortuoso: è assicurata una successione di carambole ancora maggiore del passato. Maggiore dettaglio è disponibile sul sito FIA.

Formula E: Paddock, non c’è una lira!

Il futuro della categoria è certamente a rischio. Già i budget erano stati dimezzati per un primo impatto del Coronavirus sulle entrate della stagione in corso.

Successivamente era stato annunciato il calendario 2020/2021, con inizio a Santiago il 16 gennaio e double-header conclusivo a Londra il 24 e 25 luglio. Si tratta di una stagione importantissima, in quanto per la prima volta la Formula E verrà riconosciuta come campionato mondiale FIA. Ma il calendario è ancora provvisorio e tale rischia di restare a lungo, perché la situazione rende difficile programmare investimenti.

Le stagioni in corso vanno comunque terminate perché i contratti in corso possono essere stiracchiati ma assolutamente non rotti, onde evitare un restart anche nelle valutazioni delle sponsorizzazioni e delle pay-tv. Lo stanno dimostrando i principali campionati di calcio nazionali ed europei, in cui l’assenza dei tifosi sugli spalti sembra poter essere tollerata più a lungo delle sponsorizzazioni.

Audi vincitrice a Berlino?

Il 29 febbraio avevamo lasciato DaCosta leader con 67 punti e Techeetah in testa a 90. I distacchi tra le scuderie sono relativamente ampi: se BMW Andretti è ottima seconda a 90, il terzo posto di Panasonic-Jaguar è a soli 66 punti mentre la sconsolata Mahindra è decima a 17.

Diversa la situazione per i piloti, dove anche il decimo, ovvero Sam Bird, potrebbe vincere il titolo in quanto parte da un bottino di 29 punti.

Ricordiamo che nelle ultime due stagioni a Berlino ha vinto Audi, prima con Abt, poi con DiGrassi che è ancora lì, con i suoi 38 punti e i 46 della Audi. Insomma, ci attende una settimana abbondante di lavoro quotidiano!

Questa mailing list usa Mailchimp. Iscrivendoti ad una o più liste, contestualmente dichiari di aderire ai suoi principi di privacy e ai termini d'uso.

In ottemperanza al GDPR, Regolamento UE 2016/675 sui dati personali, ti garantiamo che i tuoi dati saranno usati esclusivamente per l’invio di newsletter e inviti alle nostre attività e non verranno condivisi con terze parti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here