I notevoli vantaggi della batteria ibrida al Litio con ultracondensatori

1
3865

Due tecnologie complementari riunite in un singolo prodotto potrebbero portare a notevoli miglioramenti anche sulle auto elettriche, lo annunciano Maxwell Technologies e Sk Innovation

 

Quali sono le caratteristiche ideali di una batteria per auto elettriche? Da un lato deve avere un’elevata capacità in rapporto al peso e al volume, come nelle batterie al litio più avanzate e specialmente in quelle “nanotecnologiche” in via di sperimentazione delle quali abbiamo più volte parlato; dall’altro deve avere tempi di ricarica rapidi e una erogazione altrettanto rapida, come avviene nei supercondensatori.

Infine il costo di produzione deve essere basso, la durata e la sicurezza devono essere elevate, la sensibilità alla temperatura ambiente bassa e possibilmente il componente deve essere fabbricabile senza eccessivo uso di materiali rari o difficili da smaltire a fine vita.

Le batterie elettrochimiche al Litio soddisfano alcuni di questi obiettivi e i supercondensatori ne soddisfano altri, ma al momento nessuna delle due tecnologie può costituire da sola una soluzione pienamente soddisfacente.

È però possibile centrare quasi tutti questi obiettivi contemporaneamente se si combinano in modo intelligente i due attori. E, come già previsto da GreenStart in tempi non sospetti, questo tipo di soluzione è effettivamente allo studio.

Il produttore di ultracondensatori Maxwell Technologies ha recentemente annunciato di aver stretto un accordo con la coreana SK Innovation (attiva nel settore delle batterie al Litio) per realizzare soluzioni ibride per l’immagazzinamento di energia elettrica principalmente nei settori dell’autotrasporto e dell’industria.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here