I nuovi ecoincentivi finanziati da una tassa sulle auto più inquinanti

0
1038

Il Governo Letta starebbe lavorando a una nuova tassa sulle immatricolazioni che garantirebbe il finanziamento dei nuovi ecoincentivi con uno schema bonus-malus già in vigore in Francia

E’ stato il ministro dello Sviluppo Economico Zanonato a lanciare l’idea:”Non ci saranno nuovi incentivi alla rottamazione, pensiamo più a interventi che aiutano il campo della trazione alternativa come metano, elettrico e ibrido”.

Ma visto che i soldi in cassa non ci sono, il Governo Letta starebbe pensando a una nuova tassa da applicare sull’acquisto delle auto più inquinanti, per raccogliere i fondi necessari a finanziare gli incentivi per quelle meno inquinanti. Una sorta di meccanismo bonus-malus già in vigore in Francia.

In attesa di capire come andrà oggi l’incontro tra ministero dello Sviluppo e produttori di automobili e successivamente dei sindacati, questa sembra essere la strada percorsa dal governo per dare una mano a un settore agonizzante: si prevedono infatti 1,2 milioni di auto immatricolate nel 2013 contro gli oltre 2 milioni di qualche anno fa.

Parlando di auto “green” non si può notare che l’aumento delle ibride supera solo l’1% del totale delle auto immatricolate, per non parlare dei numeri inconsistenti delle elettriche, che tanto avrebbero bisogno di un sostegno e di incentivi, non solo all’acquisto ma anche per creare l’infrastruttura e l’ecosistema in cui muoversi.

Nei prossimi giorni ne sapremo di più, sperando che tutto non si risolva nel solito pasticcio all’italiana come avvenuto con gli incentivi 2013, soldi ancora a disposizione che non vengono spesi perchè destinati solo alle aziende con un veicolo da rottamare con più di 10 anni.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here