La prima Volkswagen ibrida plug-in è la Golf GTE

1
3180

Si chiama Volkswagen Golf GTE la prima Volkswagen ibrida plug-in. 204 Cv, 50 chilometri di autonomia in full-electric. Anteprima a Ginevra, sul mercato entro la fine dell’anno

La Golf GTE ibrida plug-in è la principale novità Volkswagen al Salone di Ginevra 2014 nel segmento delle alimentazioni alternative.

Già dalla sigla di capisce che non è stata progettata solo per diminuire consumi ed emissioni, ma per offrire divertimento e piacere di guida. Il fatto poi che sia stata “inventata” una nuova sigla, GTE, sulla falsariga delle conosciutissime GTI e GTD che sono un vero e proprio “marchio di fabbrica” delle Volkswagen sportive, la dice lunga sulle serie intenzioni della casa tedesca in ambito alimentazioni alternative. Come del resto già analizzato riguardo la e-Golf, la Golf elettrica. E la casa ha già dichiarato che in tempi brevi debutterà sull’attuale Golf anche una versione a idrogeno a celle di combustibile.

Del resto, la Golf GTE è quasi pronta per entrare in listino: il prezzo non è ancora noto, ma considerando la concorrenza è ragionevole pensare a un costo non inferiore a 40.000 euro. Esternamente la Golf GTE è quasi identica alle altre versioni: cambiano le sigle, e di serie ci sono fari full-led davanti e dietro.

La grande novità è nella meccanica: il quattro cilindri TSI a benzina da 110 kW è abbinato a un elettrico da 75 kW, per una potenza complessiva di sistema di 204 Cv e 350 Nm di coppia massima. Cambio a tripla frizione, a sei marce, e motore elettrico integrato nell’alloggiamento del cambio. 

La batteria che alimenta il motore elettrico è da 8,8 kWh, agli ioni di litio raffreddata a liquido. Pesa 120 kg, per una massa complessiva della vettura di 1.524 kg. La ricarica completa, utilizzando la presa di casa, avviene in 3 ore e mezza. Con il wall box opzionale, in 2 ore e mezza. L’autonomia dicharata in modalità full-electric è di 50 chilometri, mentre sfruttando motore termico ed elettrico si possono sfiorare i 1.000 chilometri.

Le prestazioni dhicarate sono interessanti, con 217 km/h di velocità di punta e 7,6 secondi nel passaggio da 0 a 100 km/h. Consumi dichiarati irrisori, con i limiti connessi a tali misurazioni: nel ciclo combinato NEDC la Golf GTE consuma solo 1,5 litri per 100 chilometri, pari a 35 g/km di CO2 emessa.

Diverse modalità di guida selezionabili direttamente dal guidatore, inclusa quella per conservare la carica elettrica in vista dell’arrivo in un’area a traffico limitato.

Saranno disponibili numerose applicazioni per smartphone per calcolare l’autonomia, visualizzare i flussi di energia e programmare i tempi di carica e di utilizzo, in modo da predisporre lo stato della vettura pronta per il viaggio. Con la logica considerazione che, per riscaldare l’abitacolo per esempio, è meglio utilizzare l’energia della rete piuttosto che quella immagazzinata nelle batterie.

Come detto, al momento non è fissato il prezzo, ma la commercializzazione in Europa avrà luogo a partire dal prossimo autunno.
 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here