La Renault Zoe è l’utilitaria più sicura secondo EuroNCAP

0
1963

Cinque stelle alla Renault Zoe nei periodici test EuroNCAP. Ma non è il solo ottimo risultato, anche la Lexus Is 300h fa benissimo

Nell’ultima sessione di test EuroNCAP sono state provate diverse vetture nuove, anche con propulsioni alternative come il motore elettrico e ibrido.

Ottimo risultato della Renault Zoe nella categoria “supermini”, dove è risultata la migliore del segmento, ottenendo punteggi migliori rispetto ad altre vetture provate nel corso dell’anno come Nissan Note, Opel Adam o Peugeot 2008.

Allo stesso modo la Lexus IS è risultata la migliore tra le “large family cars”, rispetto a concorrenti come Mazda 6 o Skoda Octavia.

Sorprendente il risultato della Qoros 3 Sedan, “best in class” fra le “small family cars” con risultati migliori rispetto a, tanto per parlare di mobilità  sostenibile, Bmw i3 o Toyota Auris.

Tornando alla Zoe, è stata definita “buona” la protezione di guidatore e passeggero nell’urto frontale, con il massimo punteggio nell’urto laterale e solo qualche pecca nella protezione del busto nella prova di simulazione di impatto laterale contro un palo. Molto valida anche la protezione offerta ai bambini, sia di piccola sia di media taglia, e tutto bene anche per la protezione offerta ai pedoni. Adeguata e funzionale, infine, la dotazione di sicurezza standard del modello, allineata ai requisiti minimi previsti dall’EuroNCAP per la categoria.

Risultato molto positivo anche per la Lexus IS 300h: punteggi più che positivi per tutti i test di impatto, frontale, laterale e laterale puntuale, in grado di offrire protezione più che adeguata a tutte le parti del corpo. Risultati simili nella protezione dei bambini, per entrambe le taglie (1,5 e 3 anni) previste dai protocolli EuroNCAP.

Valida la protezione dei pedoni grazie al cofano “attivo” in grado di sollevarsi durante l’impatto per evitare colpi del pedone contro strutture rigide. Tutto bene, infine, per quanto riguarda la dotazione di serie di dispositivi di sicurezza. Tra qualche mese, i prossimi test: chissà  se verrà  provata la Tesla Model S?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here