Materiali riciclati per un’auto più sostenibile, il caso di Ford Fusion

0
1573

Va bene ridurre i consumi, ma l’impronta ecologica dell’auto inizia con la sua produzione. Alcuni componenti della prossima Ford Fusion arrivano dal riciclo di materiali, vediamo quali sono

La Ford Fusion, modello 2013 per gli USA, sarà una vettura che potrà vantare una anima ecologica fuori dall’ordinario. Non solo e non tanto per i bassi consumi, ma per le coraggiose scelte in tema di materie prime utilizzate per la fabbricazione.

Da circa 39 bottiglie di plastica sono ricavate le fibre sintetiche dei sedili in tessuto, senza rinunciare a nulla in termini di durata e di qualità percepita.

Da tessuti in cotone riciclati di provenienza industriale, equivalenti al tessuto di due paia di jeans, si ricava dell’efficace materiale fonoassorbente per migliorare il comfort di marcia.

Da circa 31.000 fagioli di soia si ricavano le schiume utilizzate per l’imbottitura di sedili, schienali e poggiatesta. Questa tecnologia è stata introdotta da Ford nel 2007 e oggi il materiale è utilizzato su tutti i veicoli prodotti da Ford in nord America.

La Casa afferma che con questa scelta ha ridotto i consumi di idrocarburi fossili di circa 2.500 tonnellate all’anno e le emissioni CO2 di oltre 10.000 tonnellate all’anno.Alcuni

Dal riciclaggio di altri materiali plastici (come gli involucri delle batterie esauste) vengono alcuni particolari secondari della carrozzeria o del sottoscocca, per un ammontare complessivo di 1.000 tonnellate all’anno. Le cifre sono riferite alla produzione della sola Fusion.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here