Varati a Milano incentivi auto/moto/cicli. Generosi (e cumulabili) gli importi, modesti i fondi, tempi limitati

Modesto però il fondo a disposizione visto la platea ampia a cui è destinato. Per le auto elettriche previsti fino a 9.600 euro. Destinati solo a chi dichiara di rispettare la Costituzione

0
1260

Destinatari degli incentivi per l’acquisto di auto (anche elettriche), cicli e motocicli i residenti a Milano senza “contenziosi in corso con l’Amministrazione“, “in regola con i pagamenti in caso di contratto di affitto di immobili e spazi comunali” e che abbiano presentato “la dichiarazione di rispetto dei principi, delle norme e dei valori della Costituzione italiana, repubblicana e antifascista“. Se rientrate in questo identikit, la notizia è per voi. Il bando comunale scade il 30 novembre 2020

L’importo degli incentivi a Milano, che finirà molto presto

Stanziate risorse per 1 milione di euro, che verosimilmente finiranno molto in fretta, e scadenza 30 novembre salvo esaurimento anticipato dei fondi disponibili. Si tratta di una evenienza pressoché certa, dato che i residenti a Milano sono circa il 13% dei residenti in Lombardia, e gli incentivi regionali varati a ottobre 2019, che ammontavano a 18 milioni di euro, terminarono in poco più di 1 mese; i fondi stanziati dal Comune di Milano, 1 milione di euro, rappresentano non il 13% ma solo il 5% di tale somma, quindi meno della metà, in rapporto alla popolazione beneficiaria.

Gli importi previsti per l’acquisto di automobili, dalle elettriche alle benzina euro 6

Gli incentivi auto che variano fra un minimo di 4mila (per Euro 6 benzina) e un massimo di 9600 euro (per auto elettriche) passando per Gpl, metano, ibride benzina o ibride diesel (una rarità); restano completamente escluse le diesel termiche pure, non importa se rispettose delle norme Euro 6 come le Benzina.

Questi importi sono concessi in caso di contestuale rottamazione benzina fino a Euro 2 o diesel fino a Euro 5; l’auto nuova non può superare i 50mila euro optional compresi, ma Iva e messa in strada esclusi; per elettriche e ibride l’incentivo copre il 60% della spesa (comunque fino all’importo massimo indicato); per le altre motorizzazioni il 50%.

La tabella importi a seconda del tipo di alimentazione. Le termiche Diesel pure sono escluse, anche se omologate Euro 6. Il Diesel è ammesso solo se ibrido.

Incentivi anche per cicli e motocicli

Incentivi anche per motoveicoli o ciclomotori nuovi ibridi o elettrici senza limiti di potenza, a copertura del 55% del costo e fino a un massimo di 3mila euro con contestuale rottamazione di un’auto benzina fino a Euro 2 o diesel fino a Euro 5; l’incentivo è riconosciuto anche a soggetti che non possiedono auto (cat. M1) o moto/ciclomotore (cat. L) da almeno 4 mesi. Chi invece possiede uno di questi veicoli ma non intende rottamarlo è comunque incentivato ma in proporzione e misura minore: 40% del costo fino a un contributo massimo di 1800 euro.

Incentivi al 60% con un contributo massimo di 1.500 euro anche per l’acquisto di biciclette (o anche “cargobike”) a pedalata assistita o a trazione elettrica nuove, senza obbligo di contestuale demolizione di veicoli cat. M1 o L.

Incentivo cumulabile con quello statale

L’incentivo è cumulabile “esclusivamente con gli incentivi statali”; tradotto: non con quelli regionali, quand’anche fossero rifinanziati da Regione Lombardia, secondo l’intenzione più volte espressa, nel 2019, dall’assessore Cattaneo visto il successo dell’iniziativa.

Foto di apertura by Siavash on Unsplash

Questa mailing list usa Mailchimp. Iscrivendoti ad una o più liste, contestualmente dichiari di aderire ai suoi principi di privacy e ai termini d'uso.

In ottemperanza al GDPR, Regolamento UE 2016/675 sui dati personali, ti garantiamo che i tuoi dati saranno usati esclusivamente per l’invio di newsletter e inviti alle nostre attività e non verranno condivisi con terze parti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here