Moto E, Tuuli vince la prima storica gara al Sachsenring

0
582

Niki Tuuli è il primo vincitore della storia della Moto E. Il ventitreenne finlandese del team Ajo si è piazzato al primo posto dopo una lotta non banale con Smith, DiMeglio e Garzo.

La gara è stata chiusa in anticipo per la bandiera rossa causata dall’uscita di pista di Salvatori. L’incidente ha ricordato che l’elevato peso di queste moto rappresenta un rischio aggiuntivo rispetto alle altre competizioni a due ruote.

Sponsor della manifestazione Enel X, fornitore unico delle moto la Energica e sei gare, con due doppie corse come già provato in Formula E. Dopo l’incendio di marzo a Jerez, ecco la partenza al Sachsenring di Germania.

Tuuli aveva conquistato anche la bizzarra e-pole, in una prima fila completata da Hector Garzo (Tech3) ed Eric Granado (Avintia).

I tredici team comprendono il Sic58, ovviamente dedicato a Simoncelli, il Gresini e l’LCR di Checchinello; fuori dall’Italia abbiamo Octo Pramac, Join Contract Pons 40, Ajo, Tech 3, Avintia, Marc VDS, One Energy, Nieto, Intact.

Le sei gare di questo primo mondiale i terranno in Germania, Austria, San Marino (due) e Spagna (due)

Qualifica Nera per la Herrera

La bizzarrìa della qualifica è dovuta al giro secco: il pilota fa una sola uscita, con giro di lancio, qualifica e giro di rientro, con la conseguente impossibilità di fare aggiustamenti.

Il regolamento non è ancora chiaro neanche ai piloti, tanto che ben due hanno sbagliato la qualifica, beccandosi la bandiera nera e la conseguente ultima fila: Maria Herrera e il favorito Jesko Raffin vedrano in partenza gli altri 16 piloti davanti a loro. Ma se Maria finirà fuori dalla zona punti, Raffin riesce a portarne a casa tre.

La Herrera è stata la prima donna a conquistare punti in tre categorie mondiali (95 punti in Moto3, 45 in Supersport 300 e un punto in Supersport 600) e in Moto3 ha spesso battuto il francese Quartararo, attualmente in grande spolvero in MotoGP.

Appuntamento ora dal 9 all’11 agosto al Red Bull Ring austriaco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here