Nissan ZEOD RC, il prototipo elettrico pronto per la 24 Ore di Le Mans nel 2014

0
1250

La prima elettrica alla più famosa corsa di durata supererà i 300 km/h. Ancora da chiarire molti dettagli del progetto ma la sperimentazione servirà poi per i modelli che vedremo su strada

Il Garage 56 della 24 Ore di Le Mans, quello tradizionalmente dedicato alle vetture sperimentali, sarà occupato nel 2014 dalla Nissan ZEOD RC. La ZEOD riprende la forma a freccia della Deltawing, il prototipo con il quale Nissan partecipò alla 24Ore di Le Mans nel 2012 con un motore a benzina. 

La Zero Emission On Demand Racing Car, questo il significato del nome, sarà una vettura innovativa con batterie agli ioni di litio, e sarà usata come banco prova per la futura partecipazione della Nissan alla 24 Ore di Le Mans nella classe LM-P1. In particolare, Nissan sperimenterà, da qui al 2014, diverse tecnologie di propulsione per verificare la più adatta, in termini di bilanciamento tra consumi e prestazioni, per una gara di durata. Parallelamente, sono in corso verifiche anche tecniche per integrare la propulsione elettrica nei regolamenti della 24 Ore.

In effetti, dal comunicato ufficiale Nissan, non trapelano molti particolari sul powertrain della vettura. Quello che si può affermare con certezza è che non sarà una full-electric, visto che le batterie non potrebbero garantire autonomia sufficiente o ricariche rapide per portare a termine una gara così lunga, ma presumibilmente ci sarà un range-extender, quindi un motore termico, in grado di ricaricare le batterie, insieme ai sistemi di recupero dell’energia in frenata, per poter assicurare l’autonomia sufficiente.

Le dichiarazioni di Andy Palmer, vicepresidente esecutivo e membro del Comitato esecutivo di Nissan Motor Company Limited, confermano queste ipotesi. Ecco una sintesi di quanto dichiarato a proposito della ZEOD RC: “Le tecnologie messe a punto su ZEOD RC saranno la base delle future innovazioni per i modelli stradali di Nissan. Il programma ZEOD RC valuta la fattibilità di diverse tecnologie di propulsione pulita, pensando a un futuro ritorno di Nissan in classe LM-P1 alla 24 Ore di Le Mans. Al momento stiamo esaminando varie alternative. Con il sistema ‘Zero Emission On Demand’, il pilota può scegliere di passare dall’alimentazione elettrica alla benzina e viceversa: un’opzione interessante anche per i modelli stradali, che stiamo analizzando oltre alla variante solo elettrica e ad altre tecnologie inedite”.

E’ evidente che la sperimentazione riguarda soprattutto il modo di assicurare un’adeguata autonomia al sistema elettrico.

Proviamo a sognare: trazione elettrica assicurata da motori collocati sui mozzi delle ruote, alimentati da batterie caricate da un sistema fuel-cell a idrogeno. Ci sarebbe da valutare anche l’impatto sulla sicurezza della vettura, ma il risultato sarebbe senz’altro affascinante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here