Presidenziali in Francia, quali proposte per la mobilità elettrica

0
Elezioni italiane del 2023: si può prendere consiglio dalla Francia e dalle proposte per il suo nuovo piano industriale nazionale?
I dodici candidati alla presidenza della Francia per le elezioni del 2022. In altro a destra, Emmanuel Macron, presidente uscente e maggior candidato alla vittoria.

Il prossimo 10 aprile i francesi saranno chiamati alle urne per l’elezione del Presidente della Repubblica. Nelle situazioni attuali relative alla guerra in Ucraina, alla situazione sanitaria e al più generale scossone nella gestione nazionale ed internazionale, questa elezione assume un risvolto particolarmente importante, poiché Francia e Germania sono i motori del vecchio continente in numerosi settori. 

Il presidente in carica è Emmanuel Macron, che si ripresenta insieme a numerosi altri candidati: dodici in tutto al momento in cui scriviamo. L’influenza che la questione ucraina avrà sui rappresentanti della destra, da Marine Le Pen a Eric Zammour, non è questione per Greenstart. Riguarda invece il nostro mondo quella parte del programma elettorale di Macron che riguarda la nuova visione della viabilità.

Dodici candidati, grande attenzione ad ambiente ed economia

I dodici candidati finali, nella nostra immagine di apertura sono mostrati su tre file da quattro. Al centro abbiamo messo le donne.

Prima fila: Mélenchon Jean-Luc (il più anziano con i suoi 70 anni), de La France insoumise; Hidalgo Anne, Parti socialiste; Arthaud Nathalie, Lutte Ouvrière; Macron Emmanuel, La République en marche (il più giovane, 44 anni).

Seconda fila: Zemmour Éric, Reconquête; Le Pen Marine, Rassemblement national; Pécresse Valérie, Les Républicains; Jadot Yannick, Europe-Écologie-Les Verts.

Terza fila: Poutou Philippe, Nouveau Parti anticapitaliste; Roussel Fabien, Parti communiste français; Lassalle Jean, Résistons !; Dupont-Aignan Nicolas, Debout la France.

Nonostante i numerosi aiuti finanziari concessi dallo Stato e dagli enti locali, l’acquisto di un’auto elettrica è ancora riservato alle famiglie francesi più abbienti. Ecco perché Emmanuel Macron ha aggiunto al programma della campagna 2022 una proposta rivoluzionaria: gli automobilisti a basso reddito potranno far leva su una flotta di 100.000 auto “carbon free” in cambio di un affitto inferiore a 100 euro/mese. Si tratta di aggiunte fatte successivamente rispetto al programma ufficiale. Il progetto industriale della Francia porta comunque verso servizi di mobilità ed elettricità meglio gestiti e più economici.

Rivolto principalmente alla popolazione giovane e al personale socio-sanitario prima del grande pubblico, questa misura mira a uscire dalla dipendenza dai combustibili fossili preservando il potere d’acquisto dei cittadini più dipendenti dall’uso dell’automobile. La proposta dovrebbe costare appena 50 milioni di euro all’anno anche grazie a partnership con aziende private. E’ ragionevole pensare che sarà rivolta a city car di produzione francese.
Facendo i conti in tasca al provvedimento, 50 milioni per 100.000 auto sono 500 euro ad auto. C’è da chiedersi quante famiglie potranno effettivamente approfittare della proposta.

Il piano Macron ha una forte valenza sul piano industriale nazionale. Per capirci, prevede anche la rinazionalizzazione completa della Edf, l’azienda dell’elettricità francese.

Secondo un sondaggio Ipsos/Sopra Steria pubblicato il 18 marzo, Macron ha il 29% e Le Pen il 16%. Seguono Zemmour il 13%, Mélenchon al 12% e Pécresse al 10,5%. Nelle retrovie Jadot (7%), Roussel (4%), Hidalgo (2,5%) e via via gli altri. Difficilmente, quindi, una donna salirà all’Élysée.

E gli altri candidati?

La destra tendenzialmente è antielettrica. Valérie Pécresse, rappresentante di una destra moderata che potrebbe trarre vantaggio dai tristi eventi del momento, punterebbe principalmente sull’installazione di stazioni di ricarica.

Anche Jean-Luc Mélenchon della France Insoumise intende facilitare l’uso condiviso dell’auto. L’ecologista Yannick Jadot, che punta su emergenza climatica e giustizia sociale, ha proposte molto forti, da una bici ad ogni giovane alla supertassazione/eliminazione dei voli non necessari. desidera sviluppare il retrofitting (conversione di veicoli termici in elettrici). Nel corso del tempo ha seguito il retrofitting dei veicoli esistenti, senza dargli enorme importanza sul suo programma

Infine Anne Hidalgo, del Parti Socialiste, propone un “leasing sociale” per le auto elettriche, una proposta che si avvicina a quella di Macron. 

Cosa potrebbe succedere in Italia?

Nel titolo dell’articolo ci chiedevamo se le elezioni francesi possono servire alla politica italiana per comprendere con quali proposte presentarsi alla prossima scadenza elettorale nostrana. Il fronti caldi andrebbero sviluppati fin da oggi.

È chiaro che da noi le cose saranno giocoforza più confuse. Pur avendo a disposizione una cornucopia dell’abbondanza come il Pnrr, il piano presentato all’Europa sembra far acqua da tutte le parti. Il principale addebito che gli si può fare è che non ha una struttura da reale piano di supporto all’industria, per cui gli sconvolgimenti epocali che stanno rimodellando il mondo ne spazzeranno via gli effetti ancora prima che l’UE confermi lo sforzo a nostro favore. Quale piano industriale moderno possano portare Salvini o Letta nel 2023 è un fenomeno che sfugge alle capacità di previsione di molti. Finora i programmi elettorali italiani sono stati pieni di avverbi ed aggettivi composti in frasi bizantineggianti, assolutamente privi di numeri, tabelle e piani generali. Sarà così anche nel 2023? O dovranno affidarsi nuovamente ad un’autorità non eletta ma in grado di muoversi tra i numeri reali?


Questa mailing list usa Mailchimp. Iscrivendoti ad una o più liste, contestualmente dichiari di aderire ai suoi principi di privacy e ai termini d'uso.

In ottemperanza al Gdpr, Regolamento UE 2016/675 sui dati personali, ti garantiamo che i tuoi dati saranno usati esclusivamente per l’invio di newsletter e inviti alle nostre attività e non verranno condivisi con terze parti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here