Produrre la prossima generazione di Chevrolet Volt costerà 10.000 dollari in meno

1
1000

Il Ceo di Gm è ottimista sul futuro dei veicoli “elettrificati” del Gruppo, ma molto dipenderà dallo sviluppo delle batterie, Sergio Marchionne è avvisato

“La prossima generazione di Chevrolet Volt costerà in produzione dai 7.000 ai 10.000 dollari in meno“, questo è ciò che ha dichiarato Dan Akerson, Ceo di General Motors, durante la Green Conference di Fortune in California. Gm ha venduto circa 26.500 unità di Volt a tre anni dal lancio, ma Akerson si è detto ottimista di arrivare a mezzo milione di veicoli “elettrificati”, plug-in e ibridi con nuove auto del gruppo, entro il 2017.

La prossima generazione di Volt è attesa per il 2015 e seppur Akerson non abbia rilasciato dichiarazioni in merito, è scontato che la riduzione dei costi avverrà grazie ai miglioramenti sul processo produttivo delle batterie, vero elemento chiave delle auto elettriche, che le renderà più economiche, leggere e con maggiore autonomia.

La Volt è un’auto elettrica ibrida ad autonomia aumentata (EREV, Extended Range Electric Vehicle), funziona con un motore elettrico e la batteria può essere ricaricata in movimento con un motore termico o ricaricata normalmente dalla presa di corrente, questa configurazione permette di avere un’autonomia più ampia rispetto alle auto elettriche pure (full electric). In Europa è forse più conosciuta la sorella Opel Ampera, sempre del Gruppo General, Motors. Mentre nel corso dell’anno sarà messa in vendita anche la versione lussuosa e sportiva con il brand Cadillac ELR.

Non è dunque interesse di GM sfidare la concorrenza sulla mera riduzione del prezzo di acquisto, come per esempio è successo a Nissan con la nuova versione della Leaf. In questi anni dunque è probabile che rimanga un prodotto di nicchia destinato più agli entusiasti delle nuove tecnologie automobilistiche, a clienti interessati alle tematiche ambientali più che al grande pubblico.

Il dato di risparmio è però decisamente interessante alla luce delle dichiarazioni di Sergio Marchionne a proposito del lancio della 500 elettrica. L’amministratore delegato di Fiat ha dichiarato che la società perde 10.000 dollari per ogni unità venduta. Che sia il caso di imparare dai cugini americani per far diventare profittabile anche il business dell’auto elettrica della casa torinese?

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here