Saprà il nuovo governo Renzi elettrizzare l’Italia?

1
1441

L’ex sindaco, ora primo ministro, potrebbe imprimere una svolta all’adozione di politiche incentivanti per la mobilità sostenibile

Il nuovo governo Renzi saprà portare l’Italia fuori dal pantano? Ce lo auguriamo tutti. E, visto dal nostro piccolo osservatorio, saprà questo esecutivo riuscire dove gli altri o hanno fallito miseramente o non ci hanno nemmeno provato? 

Sì, stiamo parlando di un impegno vero verso la mobilità sostenibile e in particolare gli incentivi per le auto a basse emissioni, nostro grande cruccio, visto il l’abissale distacco del nostro Paese rispetto al resto delle nazioni più avanzate.

Sapranno rivedere al meglio gli incentivi e soprattutto sbloccarli al più presto? Sapranno rendere concrete le iniziative che ora sono buoni propositi sulla carta, ad esempio per garantire una diffusione capillare delle colonnine di ricarica? Sapranno incentivare l’intermodalità mettendo risorse a disposizione delle amministrazioni locali? 

Due premesse su tutte, seppur molto di facciata, ci fanno ben sperare: Renzi da sindaco di Firenze girava spesso in città con una Smart elettrica; il neo ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, presidente dei giovani di Confindustria. è figlia del patron di Ducati energia, produttore tra le altre cose del quadriciclo elettrico Free Duck e di altre soluzioni per la mobilità sostenibile.

Degli altri ministeri che interessano da vicino le tematiche che trattiamo, quello dell’Ambiente, è passato da Andrea Orlando, ora ministro di Grazia e Giustizia, a Gian Luca Galletti, il quale qualche dubbio lo lascia. Mentre il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è rimasto a Maurizio Lupi.

Buon lavoro al nuovo Governo, noi non possiamo che continuare, da queste pagine, a tenervi informati sugli avanzamenti o meno nella giusta direzione.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here