Se Marchionne piange, Fisker non ride(va): perdite di 35.000$ per ogni Karma prodotta

0
2590

35.000 dollari per ogni auto: questa l’impressionante cifra che Fisker perdeva per ogni Karma venduta. E ora la casa è in cerca di un acquirente

La stora della Fisker e del suo finora unico modello, la Karma, è per alcuni versi simile a quella della Tesla. Solo che il lieto fine che si sta sempre più concretizzando per l’azienda califoniana è sempre più lontano per la Fisker, società fondata dal designer della Bmw Z8 con l’obiettivo di fornire qualcosa di innovativo nel segmento del lusso elettrico, ma finora coronato solo dall’interrruzione della produzione ormai da quasi un anno.

Errori strategici, ritardi di produzione, gestione “allegra” del magazzino e dei fornitori: questi probabilmente i motivi dell’insuccesso della casa e non, come pensano in molti, dell’insostenibilità del business dell’automobile elettrica.

Un dettagliato articolo comparso sulla Reuters analizza dati di bilancio e testimonianze di chi ha collaborato con l’iniziativa: un mix di scarsa professionalità e sovrastima delle proprie capacità di accesso al credito che ha purtroppo minato un’idea inizialmente valida. In attesa che si faccia  vivo qualcuno per rilevarla.

La casa, che non produce più vetture da circa un anno, perdeva 35.000 $ per ogni modello. Lanciato con ritardo e prodotto in poco più di 2.000 esemplari rispetto ai 15.000 alll’anno inizialmente annunciati come target minimo.

C’è quindi qualcuno che nel mercato delle auto elettriche riesce a perdere anche più di Fiat, ferma a 10.000 dollari, almeno secondo le dichiarazioni di Marchionne.

Per chi lo desidera, cliccare qui per l’articolo completo della Reuters
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here