Tesla annuncia i risultati dell’ultimo trimestre 2020 e le nuove Model S e X Plaid

Tesla chiude un anno record per produzione, consegne e ricavi. Nuova Model S Plaid; prestazioni strabilianti, tre motori e una cloche al posto del volante!

0

Tesla ha rilasciato i risultati finanziari dell’ultimo quarto del 2020 annunciando anche diverse novità sulle auto premium Model S e X. Ma partiamo dai dati del 2020: i ricavi di Tesla sono aumentati del 46% anno su anno nel quarto trimestre dell’anno; complessivamente nel 2020 hanno superato i 31 miliardi. Il prezzo medio delle auto vendute è però calato dell’11% dato che la proporzione è sbilanciata verso Model 3 e Y, meno costose delle S e X. La quota di mercato di Tesla sul mercato complessivo (comprese cioè ibride e termiche) sta raggiungendo l’1% in Europa e Cina e l’1.5% negli Usa.

Il margine operativo lordo è del 5.4%. In cassa ci sono 19,4 miliardi di dollari (incluso un aumento di capitale di 5 miliardi già effettuato). I ricavi trimestrali dalla vendita di auto sono saliti a 9 miliardi di dollari (oltre 27 miliardi nell’anno), quelli di sistemi di generazione fotovoltaica e storage hanno superato i 750 milioni, entrambi valori record. Nel trimestre Tesla ha investito 522 milioni di dollari in ricerca e sviluppo.

Produzione e consegne di auto Tesla nel 2020

Nell’ultimo trimestre 2020 sono state prodotte 179.757 auto ed effettuate 180.667 consegne, con incrementi anno su anno rispettivamente del 71% e del 61%. In tutto l’anno le consegne hanno sfiorato le 500mila unità. La catena logistica è molto snella ed efficiente dato che vi si trovano vetture per 11 giorni in media. Fremont attualmente ha una capacità installata di 100mila Model S e X e 500mila Model 3 e Y. Shanghai attualmente ha capacità per 450mila Model 3 e Y.

La rete Supercharger è arrivata nel trimestre a 2564 siti (+41% anno su anno) e 23277 connettori (+45%).

Per quanto riguarda i business sul solare e sull’associato storage, nell’ultimo trimestre è stata installata potenza fotovoltaica per 86 MW (+59%) e storage per 1.5 GWh (+199%). In tutto il 2020 si sono installati oltre 205 MW di fotovoltaico (+18%) e 3 GWh di storage (+83%). C’è un nutrito portafoglio di ordini inevasi a causa della produzione che fatica a reggere il ritmo della domanda. Dopo anni in cui ha investito quasi ogni risorsa per l’obiettivo di aumentare la produzione di automobili, Tesla si aspetta ora di potersi dedicare con molto maggiore impegno sul business del solare+storage, e si aspetta di diventare market leader.

Nuove Tesla Model S e X Plaid, grosse novità su prestazioni e interni

Per quanto riguarda i modelli, nel plant di Fremont la novità riguarda le Model S e X, che avranno un nuovo powertrain “Plaid” (batterie nuove e tre motori), autonomia che nella versione “Plaid+” potrà superare le 520 miglia (840 km!), interno completamente rinnovato (lo schermo anteriore diventa orizzontale come sulle Model 3 e Y, ma da 17 pollici e con risoluzione 2200×1300 anzichè full HD; notevoli il volante tagliato, simile a una cloche aeronautica, e uno schermo (da 8 pollici) anche per i posti posteriori.

Una vista dei nuovi interni della Model S Plaid.

Tornerà disponibile l’opzione 7 posti; clima trizona, filtri HEPA, tetto in cristallo, impianto audio a 22 altoparlanti con cancellazione attiva del rumore; sistema videogiochi da 10 teraflops compatibile con controller wireless), ritocchi anche all’esterno, integrazione di tecnologie esordite sulle Model Y e Model 3 come la heat pump o i motori ad alta efficienza. I prezzi aumenteranno di circa 10mila dollari.

La versione Plaid potrà coprire lo 0-60 miglia/ora in meno di 2 secondi (0-100 km/h in 2,1 secondi) e il quarto di miglio in meno di 9.3 secondi, risultando l’auto di serie più scattante mai prodotta. Il nuovo powertrain inoltre potrà eseguire con le massime prestazioni una sequenza di test di accelerazione sul quarto di miglio cinque volte più lunga rispetto all’attuale Performance.

Sviluppo delle Gigafactories

Per la Model Y a Fremont ci si concentra sull’aumento di produzione e sull’integrazione del nuovo retrotreno monoblocco realizzato per pressofusione di alluminio grazie alla Giga Press italiana.

La GigaFactory di Shanghai produce attualmente 250mila unità/anno di Model 3 e Y, ma c’è già capacità installata per 450mila.

A Shanghai il ritmo attuale di produzione della Model 3 corrisponde a 250mila unità/anno ma la capacità installata è di 450mila unità (anche grazie alle numerose Giga Press installate nell’impianto) e il margine disponibile verrà usato soprattutto per la Model Y. La Model 3 è già oggi esportata verso l’Europa ma anche verso altri mercati dell’area asiatica.

Tre macchinari italiani Giga Press installati nella Gigafactory di Shanghai per la produzione in blocco unico del retrotreno Model Y in 90 secondi.

Il plant di Berlino è in costruzione secondo i programmi, e in questa fase si stanno già installando i macchinari.

La Gigafactory europea vicino a Berlino ha già raggiunto un grado piuttosto avanzato di costruzione.

Procede anche quello di Austin, in cui oltre al Cybertruck (il cui design è completato, e le prime consegne dovrebbero cominciare quest’anno) si produrrà anche la Model Y. Anche per il Cybertruck il retrotreno sarà prodotto per pressofusione in singolo pezzo, ma, date le maggiori dimensioni della vettura, si userà una pressa ancora più grande di quella usata per la Model Y: 8000 tonnellate contro 6000 tonnellate.

La Gigafactory in corso di costruzione in Texas per la produzione di Cybertruck e Model Y.

Le altre novità annunciate: batterie, Tesla Semi e guida autonoma in abbonamento

Confermato che le consegne del Tesla Semi inizieranno nel 2021.

Interessante in una risposta di Musk l’affermazione che Tesla in futuro lancerà sicuramente anche un modello di van elettrico.

Per le celle 4680 Tesla ha attualmente capacità per 10 GWh, e dato che le rese del processo produttivo, come dichiarato da Musk, migliorano settimana dopo settimana, per il 2022 è confidente di poter installare capacità per 200 GWh e raggiungere produzione per 100 GWh. Come trend futuro, Tesla pensa di aggiungere capacità produttiva per 200 GWh all’anno.

Confermato che il Full Self Driving, oltre alla classica vendita, sarà offerto anche con uno schema ad “abbonamento“. Non prevista, invece, la possibilità di trasferire la “licenza” da un proprietario all’altro. Il supercomputer “Dojo” messo a punto da Tesla si occuperà sempre di più di assistere il processo di “labeling” di immagini, situazioni e filmati, da usare poi per il training delle reti neurali; a regime dovrebbe diventare addirittura autonomo nel farlo, con un enorme aumento di velocità e accuratezza del training. Le tecniche che si stanno mettendo a punto per Dojo ne dovrebbero fare uno dei migliori sistemi di training per reti neurali, allo stato dell’arte, tanto da poter far ipotizzare che Tesla ne offra l’uso a terzi. Musk ha affermato che l’attuale FSD non usa ancora pienamente le potenzialità dell’attuale hardware V3. Nel frattempo comunque è in preparazione un nuovo hardware V4 che sarà 3 volte più potente e accoppiato con telecamere a maggior risoluzione.

Tesla si aspetta di dialogare con le autorità per quanto riguarda la regolamentazione dell’uso dell’Fsd. L’Unione Europea è vista come l’area più problematica e con più restrizioni. Al contrario, in Cina non si esclude di poter parlare di autorizzazioni per i livelli 4 e 5 a fine anno.

Sul lungo termine è previsto un tasso di crescita medio annuale del 50% per quanto riguarda il volume produttivo di automobili. Nel 2021 in particolare, tuttavia, ci si aspetta di crescere in misura anche maggiore. Questo implica che nel 2021 si dovrebbero vendere non meno di 750mila Tesla nel mondo. Il quarto trimestre 2020 è stato da record per Tesla con oltre 180mila consegne, un livello mai raggiunto prima.

Numero di Tesla consegnate, per trimestre.


Questa mailing list usa Mailchimp. Iscrivendoti ad una o più liste, contestualmente dichiari di aderire ai suoi principi di privacy e ai termini d'uso.

In ottemperanza al Gdpr, Regolamento UE 2016/675 sui dati personali, ti garantiamo che i tuoi dati saranno usati esclusivamente per l’invio di newsletter e inviti alle nostre attività e non verranno condivisi con terze parti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here