Tesla uscita dall’inferno della produzione: pronte 5000 Model 3 alla settimana

Alcune società asiatiche che forniscono componenti hanno dovuto aumentare la produzione per soddisfare la richiesta da parte di Tesla

1
5395

Elon Musk lo aveva preannunciato, e non bisognava certo essere dei maghi per non prevederlo, il lancio della Tesla Model 3 avrebbe portato a un “inferno nella produzione”.

Inferno dal quale, senza non poca fatica, sembra che Tesla sia riuscita ad uscire o almeno portarsi ai margini, visto che diversi report, citando fonti di fornitori di componentistica, fanno pensare che nella fabbrica di Tesla si sia pronti per sfornare le 5.000 auto prodotte a settimana, un obiettivo che secondo le ultime stime riviste era previsto per marzo 2018.

Aumento della produzione da parte dei fornitori

In particolare Hota Industrial Mfg, che fornisce a Tesla assali e ingranaggi,  ha aumentato i volumi di produzione con turni anche di notte e ha iniziato a spedire il primo lotto di componentistica via aerea e non via mare per velocizzare le consegne.

Nonostante dunque molto scetticismo degli analisti attorno a Tesla, Adam Jonas di Morgan Stanley, prevede 8.000 unità nel primo quarto 2018, con una produzione in aumento a 48.000 unità nell’ultimo quarto, Tesla aver imboccato la strada giusta per uscire dall’empasse, avendo anche superato il collo di bottiglia rappresentato dalla produzione di batterie nella Gigafactory.

Questa mailing list usa Mailchimp. Iscrivendoti ad una o più liste, contestualmente dichiari di aderire ai suoi principi di privacy e ai termini d'uso.

In ottemperanza al GDPR, Regolamento UE 2016/675 sui dati personali, ti garantiamo che i tuoi dati saranno usati esclusivamente per l’invio di newsletter e inviti alle nostre attività e non verranno condivisi con terze parti.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here