Tosa, il bus elettrico con ricarica rapida pronto a entrare in servizio a Ginevra

A Ginevra sulla linea 23 l'autobus elettrico che si ricarica dalle pensiline sta per diventare realtà

1
5172

Tosa (Trolleybus optimisation system alimentation) è un autobus elettrico che sfrutta una tecnologia di ricarica rapida durante le soste alle fermate e ai capolinea.

Messo in sperimentazione dal 2013 dalla società di trasporti pubblici di Ginevra, Tpg, in collaborazione con Abb, sta per diventare realtà nella città svizzera, visto l’investimento pari a 16 milioni di dollari fatto da Tpg per mettere in servizio, entro il 2018, 12 autobus elettrici sulla linea 23, che collega l’aeroporto con il centro città.

TOSA l’autobus elettrico di Ginevra

La ricarica veloce nelle pensiline delle fermate di TOSA

La ricarica è così veloce che non interferisce con il normale ciclo di attività degli autobus e migliora l’ambiente urbano e il paesaggio non dovendo ricorrere a linee aeree di collegamento e offrendo al contempo grande flessibilità di percorso. Una soluzione a zero emissioni fossili poiché l’energia elettrica utilizzata proviene interamente da centrali idroelettriche.

La tecnologia per la ricarica lampo e le apparecchiature di trazione montate a bordo usate in questo progetto sono state sviluppate da Abb e ottimizzate per linee di autobus ad alta frequenza nelle principali aree urbane. Il sistema usa un braccio semovente controllato da laser che si connette a una presa per la ricarica sulle pensiline al posto del solito carrello collegato alle linee aeree.

Tosa bus elettrico
L’autobus Tosa è prodotto da Hess

Le batterie a bordo possono essere ricaricare in circa 15 secondi con una potenza di 600 kilowatt presso fermate predisposte (per un totale di circa 3 kWh di energia trasferita), per avere un termine di paragone 5 volte di più del supercharger di Tesla che arriva a 120 kW. Al capolinea un altro sistema di ricarica ultra veloce permette una ricarica completa delle batterie in 3 – 4 minuti.

Grazie a un innovativo sistema di azionamento elettrico, l’energia proveniente da un apparato di ricarica montato sul tetto può essere immagazzinata in batterie compatte assieme all’energia frenante del veicolo energizzando sia l’autobus sia i suoi servizi ausiliari come ad esempio le luci interne.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here