Continua la discesa dei prezzi per le batterie al litio

Ora costano 156 dollari per kWh, meno 87% rispetto al 2010, e la soglia dei 100 dollari si potrebbe raggiungere già nel 2023

1
2309
prezzo batteria litio

Secondo una ricerca pubblicata da BloombergNEF, nel 2019 il prezzo medio dei battery pack al litio per applicazioni in autotrazione è sceso a circa 156$/kWh. Se si considera che nel 2010 il prezzo era ben 7 volte più alto (si aggirava sui 1100$/kWh, in prezzi attualizzati al 2019), il calo è addirittura dell’87%.

Secondo lo studio questo risultato è dovuto a fattori di scala (volumi assoluti annuali in continua crescita e dimensione dei singoli ordini sempre maggiori) e tecnologici (introduzione di catodi di nuova formulazione o di nuova tecnica costruttiva in grado di raggiungere una maggiore densità energetica).

Cosa ci si aspetta nel futuro dei prezzi delle batterie al litio

Futuri progressi potrebbero invece venire dall’ottimizzazione e standardizzazione del progetto dei battery pack, che potrebbero essere messi a fattor comune fra modelli diversi, e da miglioramenti nel processo produttivo.

Ci si aspetta infatti che il calo continui nei prossimi anni, con prezzi che nel 2023 -quando la domanda cumulata dovrebbe avere raggiunto i 2000 GWh- dovrebbero scendere sotto i 100 $/kWh. Il calo percentuale annuale del prezzo dei battery pack, dal 2010 a oggi, ha oscillato fra un minimo dell’8% e un massimo del 35%.

La lungimiranza di Tesla

È interessante ricordare che a metà 2018 Tesla, costruttore che fin dall’inizio ha attuato una strategia di integrazione verticale investendo massicciamente nella Gigafactory e in un formato cella proprietario per disporre di ampia capacità produttiva in proprio e avere il vantaggio di grandi economie di scala, prevedeva di arrivare in quell’anno a 100 $/kWh per le celle elementari, e dopo ulteriori due anni (2020) lo stesso prezzo/kWh sarebbe stato per battery pack completi.

Se fosse così, Tesla l’anno prossimo disporrebbe di un vantaggio competitivo di circa 30 $/kWh rispetto ai prezzi pagati dai suoi concorrenti. Per vetture come la Model 3, questo significa fra i 1500 e i 2200 $ di minor costo per vettura.

Al di là del caso Tesla e tornando ai prezzi del mercato generale, per scendere ulteriormente (fino ai 61$/kWh previsti per il 2030) si dovranno probabilmente battere strade nuove: celle a stato solido, per esempio, e impiego di nuovi materiali negli elettrodi.

Il fatturato del settore, intanto, conoscerà una inarrestabile crescita, che lo porterà dai circa 30 miliardi di dollari di quest’anno fino a quadruplicare nel 2030, quando dovrebbe sfiorare i 120 miliardi.

Questa mailing list usa Mailchimp. Iscrivendoti ad una o più liste, contestualmente dichiari di aderire ai suoi principi di privacy e ai termini d'uso.

In ottemperanza al GDPR, Regolamento UE 2016/675 sui dati personali, ti garantiamo che i tuoi dati saranno usati esclusivamente per l’invio di newsletter e inviti alle nostre attività e non verranno condivisi con terze parti.

1 COMMENTO

  1. Altro che quadruplicare, nel 2021 è previsto che il costo delle auto elettriche sia più basso di quelle a motore indi quest’ultime usciranno velocemente dal mercato, anche per costi di manutenzione più alti e di rifornimento. Il petrolio crollerà e il mercato delle vetture elettriche esploderà di un fattore 100 e forse più nel giro di qualche anno.
    Basta vedere quello che sta succedendo per le nuove installazioni di produzione elettrica, ora sono solo pv, pale (eolico) e dighe acqua, oppure nei led, oramai chi compra più le vecchie lampadine quando quest’ultime costano di meno, consumano di meno e illuminano di più. Le analisi devono essere fatte bene. Ciao Giancarlo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here