Premio Nobel ai tre inventori delle batterie al litio

Sono Wittingham, Yoshino e Goodenough i vincitori del premio Nobel 2019 per la chimica

0
146

Il Nobel per la chimica 2019 ha premiato lo sviluppo della batteria agli ioni di litio. Questa batteria leggera, ricaricabile e potente è ora usata ovunque, dai telefoni cellulari ai laptop, ma soprattutto è il cuore dei veicoli elettrici.

Il premio è stato dato congiuntamente a tre ricercatori M. Stanley Wittingham, Akira Yoshino e John B. Goodenough.

La batteria al litio può anche immagazzinare quantità significative di energia da energia solare ed eolica, rendendo possibile una società senza combustibili fossili. Ecco qui sotto il momento della premiazione.

I tre vincitori del premio Nobel per la chimica

Le fondamenta delle batterie agli ioni di litio risalgono alle crisi petrolifere degli anni ’70. L’anodo della batteria era parzialmente in litio metallico, che ha un forte impulso a rilasciare elettroni. Ciò ha comportato una batteria che aveva letteralmente un grande potenziale, poco più di due volt. Tuttavia, il litio metallico è reattivo e la batteria era troppo esplosiva per essere praticabile.

Whittingham scoprì il disolfuro di titanio, che può ospitare, intercalati, i piccoli atomi di Litio. Queste batterie avevano una tensione di soli 2V.

Goodenough comprese le maggiori potenzialità dell’ossido rispetto ai solfuri, arrivando a 4V.

Yoshino realizzò la prima batteria agli ioni di litio: siamo nel 1985. Queste batterie si basano sul trasporto degli ioni di litio tra anodo e catodo e viceversa, rendendo possibili centinaia di ricariche prima dell’avvelenamento della batteria.

Mondi nei mondi

I nuovi mondi collegano il Nobel per la chimica a quello per la fisica. Quest’ultimo è stato appena assegnato a Peebles (1/2), Mayor (1/4) e Queloz (1/4) come “Scopritori di mondi” extrasolari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here